facebook rss

Presi ladri in transferta:
dall’Emilia in furgone
per colpire in città

ANCONA - Sono stati scoperti dalla polizia, in zona Baraccola, e denunciati. All'interno del mezzo c'erano attrezzi da scasso
mercoledì 15 febbraio 2017 - Ore 14:34
Print Friendly

Gli attrezzi da scasso sequestrati dalle volanti

Erano partiti dall’Emilia Romagna con un furgone a noleggio pieno di attrezzi da scasso, ma la loro trasferta è finita in questura ad Ancona, grazie all’intervento degli agenti delle volanti. Avevano pensato a tutto: noleggiato un furgone, caricato tutti gli attrezzi atti allo scasso, comprati dei guanti nuovi per non lasciare impronte, presi i passamontagna per nascondere il volto. Tutto era pronto e studiato, ma i due cittadini originari della Romania non avevano fatto i conti con i poliziotti delle volanti, dirette dal vice questore aggiunto Cinzia Nicolini,che li hanno identificati e denunciati. Erano pronti a colpire in zona Baraccola. Uno ha 28 anni, l’altro 26 anni, entrambi disoccupati. Il più giovane era appena arrivato in Italia la mattina stessa, il 28enne, invece, noto alle forze dell’ordine, è residente in provincia di Rimini.

I due sono stati sorpresi da una pattuglia della polizia in via Cambi, alle 2.30, mentre a bordo del furgone bianco stavano lentamente perlustrando la zona. Alla vista della volante il furgone ha iniziato ad accelerare. Un modo di fare sospetto che ha messo in azione gli agenti. Subito la volante ha fatto inversione e intercettato il furgone lungo la via, intimando l’alt. Partiti gli accertamenti è emerso che il furgone era stato noleggiato ieri in un autonoleggio in una provincia dell’Emilia Romagna. Invitati ad aprire lo sportellone posteriore, dopo una serie di tentennamenti e scuse prive di fondamento, i due sono stati costretti a mostrare tutto il loro armamentario: un piede di porco, delle tenaglie, vari cacciaviti, due martelli e grimaldelli di varie lunghezze, due paia di guanti e due passamontagna. Difficile per i due giovani dare una spiegazione a quelle attrezzature e perciò sono stati accompagnati in questura, dove sono stati denunciati per possesso ingiustificato di oggetti atti allo scasso.

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page