facebook rss

Atletica, assoluti indoor:
speranze marchigiane e stelle azzurre

ANCONA - Il Palaindoor ospita per il decimo anno la massima rassegna tricolore al coperto, in una stagione ricca di successi per le Marche. Ingresso gratuito per assistere alle sfide tra i campioni azzurri: Howe e Jacobs nel lungo, Palmisano torna in gara nella marcia dopo le Olimpiadi. Premio speciale a Marco Tamberi, padre ed allenatore di Gianmarco, recordman nazionale del salto in alto negli anni '80
giovedì 16 febbraio 2017 - Ore 19:23
Print Friendly

I giovani campioni dell’atletica marchigiana con il presidente regionale dell Fidal Scorzoso (a sx) e Sturani, componente di Giunta nazionale Coni (foto Andrea Muti)

 

Ci sarà l’azzurra della marcia Antonella Palmisano, alla prima gara dopo il quarto posto alle Olimpiadi di Rio, e nel salto in lungo è attesa la sfida tra il primatista italiano Andrew Howe e l’astro nascente Marcell Jacobs, mentre l’atletica delle Marche punta sui giovani che hanno fatto il pieno di medaglie nelle scorse settimane. La città di Ancona si prepara nuovamente ad accogliere i Campionati Italiani Assoluti Indoor di atletica, per la decima volta dall’apertura del suo Palaindoor, nel weekend di sabato 18 e domenica 19 febbraio. Oggi si è svolta la presentazione proprio all’interno del campo di gara, con quattro marchigiani protagonisti alle recenti rassegne tricolori giovanili: il 18enne anconetano Simone Barontini (Sef Stamura Ancona), autore di una splendida doppietta tra gli juniores su 800 e 1500 metri, e l’altro mezzofondista Ahmed Abdelwahed, romano di famiglia egiziana in gara per il Cus Camerino, che ha confermato il suo titolo nei 3000 metri promesse. Al femminile l’ex campionessa nazionale di ginnastica Martina Aliventi (Collection Atl. Sambenedettese), che ha vinto l’oro nel salto in lungo juniores, e la 15enne filottranese Benedetta Trillini (Team Atl. Marche), bronzo nell’alto al suo esordio tra le allieve.

I giovani campioni marchigiani

Tutti in pista, tra salti di gioia e selfie, per invitare gli sportivi delle Marche a fare il tifo in tribuna: infatti l’ingresso sarà completamente gratuito, per godersi le gare della più importante manifestazione italiana dell’atletica al coperto.

Un premio speciale, domenica 19 febbraio sarà consegnato a Marco Tamberi, padre e allenatore dell’altista Gianmarco Tamberi e a sua volta azzurro e recordman nazionale indoor della specialità negli anni ’80.

Presenti inoltre Fabio Sturani, componente della giunta nazionale Coni e in rappresentanza della Regione Marche, e Germano Peschini, presidente Coni Marche, con Giuseppe Scorzoso, presidente Fidal Marche, a fare gli onori di casa. Complessivamente gli atleti marchigiani hanno già conquistato 9 medaglie nei Campionati Italiani della stagione 2017, con 7 ori e 2 bronzi, per un bottino da record.
«Le Marche riescono ad ottenere risultati eccellenti nelle categorie giovanili – le parole di Scorzoso – e in modo particolare quest’anno, grazie all’impegno delle società e dei tecnici, oltre alla presenza del Palaindoor che consente di svolgere l’attività nel periodo invernale. Ora ci attende un’edizione molto interessante degli Assoluti, che preannuncia tanti campioni al via, invece nel prossimo weekend toccherà ai master per l’ennesimo tutto esaurito nelle strutture ricettive del territorio». «Gli Assoluti sono la manifestazione più importante della stagione – ha dichiarato Sturani – e nella prima giornata è prevista anche la presenza di Roberto Fabbricini, segretario generale Coni. Sarà un’altra occasione per promuovere la città e il territorio, ma anche una bella vetrina per il nostro sport, con un grande interesse che viene dai più giovani e lascia ben sperare per il futuro. Tutti potranno tifare per i campioni in gara, a cominciare dagli atleti marchigiani». «Il merito di questi risultati va agli atleti e ai loro allenatori – ha detto Peschini – per l’impegno e la passione che mettono ogni giorno in campo. Sicuramente anche gli Assoluti saranno un successo organizzativo e tecnico».
Sono iscritti 456 atleti-gara: 238 uomini e 218 donne, di 114 diverse società, compresi gli staffettisti delle 4×200 che annunciano al via una trentina di quartetti, nella decima edizion degli Assoluti al Palaindoor dopo quelle svolte nel triennio 2005-2007, dal 2010 al 2014 e poi nel 2016. In palio 26 titoli individuali, 13 maschili e altrettanti femminili. In chiave azzurra all’orizzonte ci sono gli Europei Indoor di Belgrado (3-5 marzo) e proprio Ancona sarà l’ultima occasione utile per agganciare lo standard di iscrizione e guadagnarsi la convocazione in Nazionale.

20 ATLETI MARCHIGIANI ISCRITTI
Sef Stamura Ancona: Simone Barontini (800); Giada Bernardi, Martina Buscarini, Sofia Scorcelletti, Lorenza Tamberi (4×200)
Collection Atl. Sambenedettese: Martina Aliventi (lungo); Andrea Pacitto (60 ostacoli); Emma Silvestri (400)
Sport Atl. Fermo: Francesca Ramini (400, 4×200); Federica Bonprezzi, Dajana Flamini, Costanza Muratori (4×200)
Team Atl. Marche: Benedetta Trillini (alto)
Atl. Avis Macerata: Ilaria Sabbatini (1500, 3000); Eleonora Vandi (800); Lorenzo Angelini, Nicola Cesca, Andrea Corradini, Marco Vescovi (4×200)
Fiamme Azzurre: Lorenzo Veroli (400)

Simone Barontini

UNA STAGIONE DA RECORD PER LE MARCHE
Gli atleti marchigiani hanno già conquistato 9 medaglie nei Campionati Italiani della stagione 2017, con 7 ori e 2 bronzi, per un bottino da record. Tra gli juniores (under 20) due trionfi su 800 e 1500 metri per il 18enne mezzofondista anconetano Simone Barontini (Sef Stamura Ancona), bronzo europeo allievi degli 800 metri. Doppietta in famiglia per le sorelle Vandi, figlie d’arte pesaresi dell’Atletica Avis Macerata: Eleonora (800 promesse), che ha centrato il bronzo agli Assoluti indoor dell’anno scorso, ed Elisabetta (400 allieve). Anche la Collection Atletica Sambenedettese ha festeggiato due ori, con Andrea Pacitto (60 ostacoli promesse) e l’ex campionessa nazionale di ginnastica Martina Aliventi (lungo juniores), mentre sui 3000 metri under 23 ha confermato il suo titolo Ahmed Abdelwahed, romano di famiglia egiziana che gareggia per il Cus Camerino. Nel salto in alto, al suo esordio nella categoria under 18, bronzo per la 15enne filottranese Benedetta Trillini (Team Atl. Marche), figlia di una modella nigeriana. Tutte queste medaglie sono state vinte al Palaindoor di Ancona, nei due scorsi weekend, mentre la stagione tricolore si era aperta alla fine di gennaio con le prove multiple nell’impianto di Padova e il bronzo dell’eptathlon promesse al collo dell’osimano Manuel Nemo (Team Atl. Marche).

I PROTAGONISTI DEGLI ASSOLUTI INDOOR
La gara da copertina è il salto in lungo maschile di sabato alle ore 15.50 con Andrew Howe (Aeronautica), tornato a 7,89 quest’anno, e Marcell Jacobs (Fiamme Oro), terzo azzurro di sempre al coperto e secondo al mondo nel 2017 con 8,07. Da seguire tra gli altri anche il ventenne siciliano Filippo Randazzo (Fiamme Gialle), bronzo europeo juniores. Promettono spettacolo i velocisti sui 60 metri con il capolista Massimiliano Ferraro (Atl. Riccardi Milano 1946), ex sciatore partenopeo, e il primatista italiano Michael Tumi (Fiamme Oro): finale alle 16.20 di domenica. Nel triplo (domenica, ore 15.30) il campione continentale 2013 Daniele Greco (Fiamme Oro) ha scelto di mettersi alla prova in un test con rincorsa ridotta, mentre nell’alto (dalle 14.00 di domenica) l’emergente Christian Falocchi (Brixia Atletica 2014) se la vedrà con l’argento europeo Silvano Chesani (Fiamme Oro). Sulla pedana del peso, domenica alle 16.00, annunciato un nuovo confronto tra il detentore della migliore prestazione italiana under 23 Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro) e il tricolore in carica Daniele Secci (Fiamme Gialle).
Al femminile, passerella sui 3000 di marcia in apertura di manifestazione (sabato alle 14.00) per Antonella Palmisano (Fiamme Gialle), alla sua prima uscita agonistica dopo il quarto posto nei 20 km alle Olimpiadi di Rio 2016. La velocista Gloria Hooper (Carabinieri), appena rientrata dagli Stati Uniti, sarà opposta sui 60 metri alla capolista stagionale Anna Bongiorni (Carabinieri, 7.32) e alla pluricampionessa tricolore Audrey Alloh (Fiamme Azzurre), domenica alle 16.10. Sui 400 metri al via le staffettiste azzurre Ayomide Folorunso (Fiamme Oro), Maria Enrica Spacca (Carabinieri), Maria Benedicta Chigbolu (Esercito) e Chiara Bazzoni (Esercito), contro le emergenti Lucia Pasquale (Brixia Atletica 2014) e Raphaela Lukudo (Esercito): batterie alle 16.35 di sabato, finale alle 14.40 di domenica. Punta invece al 20° titolo assoluto in carriera, tra indoor e all’aperto, la pesista Chiara Rosa (Fiamme Azzurre) dalle ore 16.10 di sabato.

PREMIAZIONI SPECIALI
I Campionati Italiani Assoluti Indoor di Ancona vivranno due momenti speciali. Domenica 19 febbraio alle 16.30 saranno conferiti riconoscimenti a tre tecnici. L’European Athletics Coaching Awards sarà assegnato a Marco Tamberi, padre e allenatore dell’altista Gianmarco Tamberi e a sua volta azzurro e recordman nazionale indoor della specialità negli anni ’80. Il premio viene attribuito direttamente dalla EA a tutti i coach dei campioni europei come “Gimbo” che ad Amsterdam si è messo al collo la medaglia d’oro. Su proposta della Fidal, insigniti degli Ea Member Federation Awards per meriti tecnici Maurizio Pratizzoli e Maria Chiara Milardi. L’emiliano è l’allenatore della vulcanica Ayomide Folorunso, quarta nei 400hs agli Europei e componente della 4×400 che alle Olimpiadi di Rio ha conquistato il sesto posto e il record italiano. Per lui quest’anno anche la soddisfazione del titolo europeo under 18 vinto da un’altra sua giovane allieva, Desola Oki nei 100hs. La 35enne reatina segue, invece, due specialisti del giro di pista come il primatista italiano assoluto Matteo Galvan e Maria Benedicta Chigbolu, anche lei staffettista della 4×400 azzurra da record.
Sabato 18 febbraio, intorno alle 15.45, è in programma la cerimonia di consegna delle medaglie degli Europei under 23 di Ostrava 2011 alle marciatrici azzurre Antonella Palmisano ed Eleonora Giorgi. Dopo la squalifica della vincitrice sul campo Tatyana Mineyeva, anche Nina Okhotnikova è stata fermata dall’antidoping. Il podio della rassegna continentale è stato quindi riscritto per la seconda volta con l’oro alla spagnola Julia Takacs seguita dalle nostre Palmisano e Giorgi che riceveranno rispettivamente l’argento e il bronzo ad Ancona.

Il presidente del Coni Marche, Germano Peschini insieme ai protagonisti dell’atletica leggera marchigiana

Giuseppe Scorzoso, presidente Fidal Marche con le giovani promesse dell’atletica marchigiana

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X