facebook rss

Tecnologia e disabilità,
Hack-cessibility Days ad Ancona

Venerdì 19 e sabato 20 maggio workshop, laboratori ed esperienze pratiche dedicate all’innovazione per le persone con disabilità visiva. Il Gruppo Med Store in prima linea con le soluzioni Apple per un mondo senza barriere
giovedì 18 maggio 2017 - Ore 15:56
Print Friendly

L’innovazione a servizio dell’accessibilità. Arrivano alla Mole Vanvitelliana di Ancona venerdì 19 e sabato 20 maggio gli Hack-cessibility Days, organizzati insieme all’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti sezione territoriale di Ancona, per sensibilizzare sull’accessibilità e sulle disabilità visive dedicata a sviluppatori software, designer e maker. Inserita nel contesto della sesta edizione del “Global Accessibility Awareness Day”, conferenze, laboratori, workshop ed esperienze daranno vita ad una vera e propria manifestazione dedicata a chi si occupa dello sviluppo di soluzioni informatiche per le persone non-vedenti ed ipo-vedenti.
Il Gruppo Med, da sempre sensibile alla tematica e in prima linea con le soluzioni Apple, si sta orientando per offrire ai propri utenti con disabilità un’accessibilità sempre maggiore e un’esperienza d’acquisto senza barriere. In collaborazione con Universal Access, gli specialisti Med saliranno in cattedra venerdì alle 15,15 con un workshop dal titolo “Apple: le tecnologie assistive on-board”. Verrà presentata la grande accessibilità integrata nei prodotti Apple e si scoprirà come tecnologie apparentemente inutilizzabili da persone con disabilità visive, riescono invece a diventare completamente accessibili grazie alle soluzioni contenute in essi. I partecipanti potranno provare e toccare con mano grazie agli iPad messi a disposizione da Med Store in cui verrà anche istallata l’App iSee che simula una disabilità visiva.
Non solo sessioni e laboratori teorici ma, grazie all’Unione Italiana Ciechi si potranno provare esperienze uniche. Dalla visita al museo tattile Omero per scoprire l’arte toccandola, alla cena al buio in cui si mangerà in una stanza scura serviti da camerieri non vedenti. Parlare, riflettere ed imparare per diventare più consapevoli dell’inclusività digitale e capire come le varie tecnologie possano aiutare a realizzare soluzioni più fruibili da persone con disabilità.

Info qui

 

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X