facebook rss

Arto incastrato nella motozappa,
anziano perde una gamba

LORETO - E' successo in via Archi. Un 78enne stava utilizzando l'attrezzo in un campo di carciofi. E' stato soccorso dall'eliambulanza e portato al pronto soccorso dell'ospedale di Torrette. La parte lesionata è stata portata dai vigili del fuoco al nosocomio per dare la possibilità ai medici di riattaccarla
martedì 27 dicembre 2016 - Ore 12:46
Print Friendly, PDF & Email

Le operazioni di soccorso stamattina a Loreto

Stava lavorando nel suo terreno coltivato a carciofi con una motozappa quando la gamba sinistra gli è rimasta incastrata tra le lame dell’attrezzo. E’ successo a Loreto, attorno alle 9.50, in via Archi. I. P. , 78 anni è stato portato in sala operatoria, all’ospedale di Torrette di Ancona, per essere sottoposto ad un delicato intervento. 

Il medico dell’eliambulanza, arrivato in via Archi, è stato costretto a intervenire chirurgicamente già sul posto, amputando l’arto già compromesso, per salvare la vita al pensionato mentre i vigili del fuoco di Osimo staccavano le lame dal macchinario con ciò che restava della gamba, imbrigliata nei meccanismi. La motozappa è stata portata al pronto soccorso, in staffetta con i vigili del fuoco di Ancona, per dare la possibilità ai medici di tentare di riattaccare l’arto danneggiato dalle lame.

Le operazioni di soccorso, stamattina, a Loreto

Sul posto sono intervenuti anche  i carabinieri di Loreto con il comandante, il maresciallo Massimo Scalella, per verbalizzare gli estremi dell’infortunio domestico avvenuto per cause accidentali. Alla scena non ha assistito alcun testimone oculare perché in quel frangente l’uomo era solo sul campo. Il primo a soccorrerlo è stato il fratello che abita, come lui, nella casa tri-familiare adiacente al podere, e che ha sentito le urla strazianti.  Secondo una prima, sommaria ricostruzione dei fatti, il terreno particolarmente melmoso nel campo dei carciofi, avrebbe fatto affondare e incagliare le lame. Forse, nell’atto di liberarle, il 78enne si sarebbe ferito.  Durante le operazioni di soccorso il paziente è rimasto sempre vigile, nonostante le atroci sofferenze, poi è stato stabilizzato e intubato dai sanitari prima di essere caricato sull’elisoccorso. Le sue condizioni sono gravi.

(Servizio aggiornato alle 13)

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X