facebook rss

50 euro a prova di falsari,
presentata ad Ancona
la nuova banconota

MONETA - E' stata mostrata nella sede dorica della Banca d'Italia. Sarà in circolazione dal 4 aprile. E' più sicura per evitare le contraffazioni che, nelle Marche, hanno portato al ritiro di 2.709 bigliettoni solo nell'ultimo anno. I pezzi da 20 e da 50 i più falsificati. In piazza Kennedy allestita una mostra con bozzetti preparati dalle scuole. Settimana di eventi
venerdì 10 febbraio 2017 - Ore 18:30
Print Friendly, PDF & Email

Enrica Teresa Vignoli, capo servizio cassa di Banca d’Italia e il direttore di Ancona Gabriele Magrini Alunno

 

In alto la banconota nuova e in basso quella attuale

 

di Marina Verdenelli

Una banconota nuova, da 50 euro, più sicura al tatto e come freno alla contraffazione. Banca d’Italia l’ha presentata ad Ancona divulgando il dato dei biglietti falsi in circolo per tutta la regione e che ammontano a 2.709 solo nell’ultimo anno (147.919 il dato in tutta Italia). I pezzi da 20 e da 50 infatti i più falsificati.

50 EURO. Ha il numero verde smeraldo, l’ologramma che mostra il ritratto d’Europa ed elementi in rilievo percepiti al tatto. Eccolo il nuovo taglio da 50 che conserva i colori di quella attuale ma con novità sulla grafica. Sarà immessa sul mercato dal 4 aprile. Per mostrarla alle Marche Banca d’Italia ha scelto la sede di Ancona in piazza Kennedy dove rimarrà allestita anche una mostra dedicata ad un concorso aperto alle scuole che hanno elaborato bozzetti di banconote ispirate al tema della diversità e dove sarà possibile entrare in una navicella multimediale per ripercorrere la storia della moneta e interagire con sette monitor. A corredo di questo una lunga lista di eventi che si susseguiranno a partire da lunedì 13 febbraio, in sede, per parlare di inflazione, della storia delle banconote, riciclaggio e le truffe online che vedono presi di mira soprattutto i clienti delle banche. Saranno in visita diversi istituti delle varie provincie e anche le scuole dei territori interessati dal terremoto come Acquasanta Terme.

Le banconote riprodotte dagli studenti

LA NOVITA’. La nuova banconota andrà a sostituire quella attuale e mirerà a contrastare il giro di soldi falsi dove il fenomeno vede un graduale aumento negli ultimi 5 anni. Per le Marche, quelle arrivate alle banche e intercettate, nell’ultimo anno, sono state 2.709. «Le preferite dai falsari – spiega Enrica Teresa Vignoli, capo del servizio cassa generale Banca d’Italia – sono quelle da 20 e da 50 euro, le stesse che emettono gli sportelli bancomat. Sono anche le più diffuse in Europa. Capire se una banconota e falsa lo si può fare osservando tre cose principali. Innanzitutto muovendola perché quella vera cambia colore e toccandola. Poi si deve osservare la filigrana e la striscia olografica laterale che riprende l’Europa». Le 50 euro nuove seguono quelle da 5,10 e 20 euro già rinnovate nell’arco degli anni, dal 2002, entrata in vigore dell’euro. «Successivamente – continua Vignoli – toccherà a quelle da 100 e 200 mentre le banconote dal 500 euro saranno tolte dal mercato. Già è stata interrotta la produzione. Per la fine del 2018 si interromperà anche l’emissione».

La navicella multimediale

MOSTRA. Fino al 19 febbraio sarà possibile visitare l’esposizione interattiva all’interno della sede della Banca d’Italia di Ancona. “La Banconota delle idee: creatività, tecnologia e sicurezza” che consiste in una installazione multimediale capace di condurre il visitatore alla scoperta dei segreti della nuova banconota da 50 euro e non solo. Attraverso un navicella allestita all’interno del salone della mostra, sarà possibile interagire con 7 monitor e conoscere le moderne tecniche di stampa, le caratteristiche di novità e i presidi anticontraffazione della seconda serie delle banconote in euro.

SCUOLE. Lo stesso spazio ospita la mostra dei bozzetti di banconote immaginarie ideati dagli studenti che hanno preso parte alla III edizione del Premio “Inventiamo una banconota”, promosso dalla Banca d’Italia in collaborazione con il Miur. I disegni in esposizione sono ispirati al tema “La ricchezza delle diversità”. La fantasia dei bambini ha creato dei piccoli capolavori colorati. Tre le banconote vincitrici della passata edizione che saranno in mostra nella navicella multimediale. Quest’anno il concorso sarà ripetuto e vede già 1.500 scuole partecipanti in tutta Italia. Il tema scelto sarà “Progettare il futuro”. L’esposizione sarà aperta al pubblico dal lunedì al venerdì (dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19 e nelle giornate di sabato e domenica dalle 9.30 alle 13 e dalle 16 alle 19.30 .

Alla Mostra saranno collegate iniziative in materia di educazione finanziaria, tutela del cliente, conoscenza dell’economia, tecnologia e sicurezza delle banconote nonché conferenze su temi economici legati alla moneta. Queste quelle in programma: lunedì alle 17, “Inflazione e sviluppo ai tempi dell’euro”, martedì alle 16 “Banche e contrasto del riciclaggio. Evoluzione dei presidi organizzativi e scenari di rischio nella realtà locale”, mercoledì alle 16, “Gli strumenti di tutela della clientela e l’educazione finanziaria”, giovedì alle 9,30 (riservato alle scuole) in replica “Gli strumenti di tutela della clientela e l’educazione finanziaria”, sempre giovedì alle 17 “La repubblica romana del 1849: unità di pensiero, azione e…monete”. Venerdì alle 11, “Piccolo viaggio nella storia della banconota” (riservato alle scuole), alle 17 “Lo sviluppo dei sistemi di pagamento in via telematica: i rischi e le strategie di contrasto al fenomeno delle truffe online”. Sarà presente Cinzia Grucci della polizia postale. Sabato, alle 17, in replica “Piccolo viaggio nella storia della banconota”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X