facebook rss

Al Cup di Castelfidardo
ticket prenota sportello ‘fai da te’

SANITA' - Da tempo non funziona più l'apparecchio elettronico per prenotare la precedenza e mettersi in fila. E allora gli operatori hanno inventato un surrogato artigianale, sistemando su un tavolo talloncini numerati di tre colori diversi per aiutare l'utenza a orientarsi nell'offerta dei servizi
martedì 28 febbraio 2017 - Ore 18:21
Print Friendly, PDF & Email

I talloncini artigianali costruiti dagli operatori del Cup di Castelfidardo per garantire i turni degli utenti in fila

Quando mezzi e risorse finanziarie scarseggiano, via libera a ingegno e creatività. E’ un po’ quello che è successo al Cup di Castelfidardo, dove non funziona più da tempo l’apparecchio elettronico per prenotare la precedenza e mettersi in fila allo sportello.

Non c’è più il modulo di chiamata con display  e tanto meno i ticket di carta numerati che gli utenti devono strappare. “Gli operatori a proprie spese hanno utilizzato materiale riciclabile e con fogli informativi hanno attrezzato un tavolo per agevolare gli avventori” scrive su facebook Marino Cesaroni, il direttore di Presenza il periodico della Diocesi di Ancona-Osimo, postando la foto del surrogato artigianale inventato dagli addetti al pubblico.

Il marchingegno è composto da tre diverse tipologie di talloncini colorati da rimettere a posto, una volta concluso il proprio turno, per garantire il rispetto della fila al centro prenotazioni fidardense e aiutare l’utenza a orientarsi nell’offerta dei diversi servizi. “Non so secondo chi, ma le Marche per la sanità sono ai primi posti (pensate chi è verso la metà). In questa parte di territorio di Ancona sud siamo a livelli inferiori allo Zambia, Sud Sudan e Uganda” commenta perplesso Cesaroni.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X