facebook rss

Turni reperibilità operai, Cgil:
“Aperto dialogo con il sindaco”

CASTELFIDARDO - Le sigle sindacali hanno incontrato il primo cittadino in vista dell'approvazione del bilancio 2017 e attendono di mettere a fuoco anche la questione delle ore che l'amministrazione vorrebbe cancellare agli addetti dell'ufficio tecnico
mercoledì 8 marzo 2017 - Ore 19:51
Print Friendly, PDF & Email

L’atrio di palazzo del popolo a Castelfidardo

Nelle settimane scorse, i sindacati hanno incontrato il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani (M5S) in vista dell’approvazione del bilancio di previsione 2017. “Si è trattato di un costruttivo scambio di opinioni ad ampio raggio – racconta Andrea Raschia (Cgil-fp) – Una discussione di grande interesse che ha consentito di chiarire ulteriormente ed in modo assolutamente inequivocabile un punto preliminare: le parti condividono l’obiettivo di migliorare il funzionamento dell’ente, e sono fortemente impegnate per organizzare al meglio uffici e servizi: strumenti indispensabili per garantire il bene comune. il ruolo sin qui svolto dal personale -encomiabile-, e soprattutto l’ulteriore contributo da valorizzare, sarà determinante per consolidare la qualità dei servizi resi ai cittadini”.

Il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani

Il dialogo è stato apertoe le sigle sindacali attendono ora di avviare un confronto più approfondito su diverse tematiche ancora da mettere a fuoco, tra le quali spicca la questione relativa all’organizzazione del servizio di reperibilità (leggi l’articolo).

“Il sindaco -spiega ancora Raschia- ha tenuto a confermare la volontà dell’amministrazione di mantenere l’attuale livello di efficienza sin qui raggiunto, grazie al senso di responsabilità di tutto il personale coinvolto, operando coerentemente per elevarne ancor più l’efficacia. In particolare, saranno da subito coinvolte le strutture interessate per verificare la situazione di ogni servizio la cui continuità si intende garantire 24 ore su 24, con tutta la necessaria attenzione alle concrete procedure da attivare in caso di emergenza al fine di salvaguardare l’interesse della comunità”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X