facebook rss

Figlio di ristoratore ricatta studentessa
per droga non pagata, arrestato

SENIGALLIA - In manette un 18enne per estorsione aggravata. Da mesi perseguitava una giovane che doveva saldare il conto di una fornitura di marijuana chiedendole tassi usurai. Il padre della ragazza si è rivolto ai carabinieri
lunedì 13 Marzo 2017 - Ore 14:49
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri di Senigallia

Ricatta una studentessa che non riesce a pagargli la marijuana applicandole tassi usurai alla somma dovuta ma lei denuncia tutto al padre che fa arrestare il malvivente. In manette un 18enne, dipendente nel ristorante di famiglia, con l’accusa di estorsione aggravata. La vicenda si è consumata a Senigallia. Una giovane studentessa era finita nel mirino del 18enne da diversi mesi, per estinguere un debito di 400 euro che la ragazza doveva pagare al maggiorenne dopo il consumo di marijuana avvenuto tra ottobre e novembre dello scorso anno. Il 4 marzo il ragazzo le ha dato un appuntamento. Per costringerla a pagare si è impossessato della bicicletta con la quale la ragazza era arrivata. Già a gennaio lo stesso si era reso autore di un pesante avvertimento alla giovane facendole capire che se non avesse pagato il debito sarebbe andato a dire ai genitori di lei che faceva uso di stupefacenti. Il 18enne gli ha dato un ultimatum, quello di pagare 100 euro a settimana, applicando altri 200 euro di interessi al debito maturato. La studentessa è riuscita a pagare solo 100 euro e poi si è confidata con i genitori. Il padre ha fatto partire la denuncia rivolgendosi ai carabinieri della caserma di via Marchetti. I militari hanno avviato l’indagine, guidati dal luogotenente Raffaele Lopriore.  Ieri sera, i militari della stazione con il supporto dei colleghi della Compagnia hanno eseguito un mirato servizio di osservazione che ha consentito di bloccare il diciottenne nel parco sotto a via Po’ mentre si allontanava dopo essere uscito da un esercizio pubblico dove aveva appena intascato la tangente estorsiva di 600 euro consegnatagli dalla ragazza. Sottoposto a perquisizione il giovane è stato trovato in possesso di una banconota da 200 euro e quattro banconote da 100 euro che i carabinieri avevano fotocopiato prima della consegna. Gli investigatori hanno eseguito subito la perquisizione nell’abitazione del fermato, che ha consentito di rinvenire quasi 10 grammi di hashish e di recuperare la bicicletta sottratta alla ragazza. La somma di denaro recuperata è stata restituita al papà della giovane. Al 18enne arrestato è stato sequestrato il telefonino per verificare i contatti con la vittima e l’eventuale coinvolgimento nella vicenda di altri complici. Ora si trova in carcere a Montacuto.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X