facebook rss

Jesi, la differenziata è da record

RIFIUTI – Raggiunto il 68,68% di separazione dell’immondizia, il risultato porta un risparmio di 200mila euro all’anno nello smaltimento
giovedì 23 Marzo 2017 - Ore 21:23
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Sale al 68,68% la raccolta differenziata dei rifiuti a Jesi. Il dato finale del 2016 migliora di un ulteriore 0,5% quello dell’anno precedente e conferma un trend di crescita con benefici economici per la tassa dei cittadini , oltre che ambientali. Aver mantenuto infatti l’asticella dei rifiuti avviati al riciclo al di sopra del 65% dal 2013 ad oggi, ha permesso a Jesi Servizi di risparmiare mediamente 200 mila euro l’anno rispetto al passato. La somma deriva non solo dalle minori spese per un più ridotto quantitativo di rifiuti conferito in discarica, ma anche dallo sconto dell’ecotassa che scende – per quei Comuni che recuperano oltre il 65% – da 24 a 14 euro a tonnellata. Tenuto conto che la spesa per lo smaltimento dei rifiuti deve essere per legge totalmente coperta dalla Tari, i 200 mila euro risparmiati hanno permesso al Comune di Jesi di contenere la tassa rifiuti che, diversamente, sarebbe aumentata di 5 euro a testa all’anno per ciascuno dei 40 mila abitanti. Anche questo ha permesso di far sì che la tassa rifiuti a Jesi sia la più bassa di tutti i Comuni della provincia di Ancona superiori ai 20 mila abitanti (eccetto Fabriano che si trova in zona montana). Più in particolare, dal 63,31% di raccolta differenziata sul quantitativo dei rifiuti prodotto dalla città di Jesi nel 2012, si è via via cresciuti al 66,78% del 2013, al 67,31% del 2014, al 68,18% del 2015, fino al dato finale del 68,68% dell’anno passato quando a fronte di una produzione di 21.500 tonnellate di rifiuti, solo 6.772 sono state portate in discarica. Una crescita dovuta senz’altro ad una maggiore sensibilità dei cittadini nell’effettuare una corretta separazione dei rifiuti, ma anche grazie ad una serie di provvedimenti assunti da Jesi Servizi che ha ampliato la raccolta differenziata tramite isole di prossimità nel centro storico e nelle vie periferiche, regolarizzando tra l’altro decine di contenitori condominiali. Positivo anche il lavoro svolto dagli ispettori ambientali per il corretto smaltimento e le telecamere installate dalla polizia municipale per smascherare quanti abbandonano i rifiuti all’aperto. “Risultati importanti – ha sottolineato il presidente di Jersi Servizi, Salvatore Pisconti
– che non sono certamente un punto di arrivo, ma una buona base di partenza per
provare a migliorarci ulteriormente. In questo senso i lavori di riorganizzazione del
Centro Ambiente al campo Boario sono tesi proprio ad ottimizzare servizio e
raccolta, da combinare il tutto con un sempre maggiore senso civico dei cittadini”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X