facebook rss

Leo non è morto da 10 anni:
il prefetto nega l’intitolazione
di un angolo della pista ciclabile

OSIMO - Una legge italiana del 1927 non permette di dedicare a persone defunte da meno di un decennio nuove strade e piazze pubbliche. Gli amici: "Si terrà comunque una cerimonia in ricordo nell'anniversario della sua scomparsa"
martedì 28 Marzo 2017 - Ore 19:53
Print Friendly, PDF & Email

il compianto Leonardo Angeloni al lavoro sulla pista ciclabile

Leonardo Angeloni non è morto da 10 anni e l’angolo della pista ciclabile di Campocavallo non potrà essergli intitolato. Una legge italiana del 1927 stabilisce infatti che, salvo casi eccezionali supportati da curriculum vitae prestigioso, debba essere trascorso almeno un decennio dalla morte di una persona perché il prefetto possa autorizzare l’intitolazione di nuove strade e piazze pubbliche, la variazione del nome di quelle già esistenti, nonchè l’approvazione di targhe e monumenti commemorativi alla persona deceduta. E a quasi un anno dalla morte del custode della pista ciclabile di Campocavallo, sarà comunque organizzata un cerimonia con una dedica speciale per l’uomo, eroe del quotidiano, che ha speso la gran parte del suo tempo negli ultimi 10 anni di vita a rendere pulito e accogliente l’anello che corre per 5 chilometri nella campagna osimana.

18 settembre 2016, la moglie di Leonardo Angeloni riceve dal sindaco di Osimo la permamena commemorativa

Delusione e una punta di amarezza hanno accompagnato la notizia. Il Comune di Osimo aveva iniziato l’iter per ottenere l’autorizzazione (leggi l’articolo) ma poi è la comunicazione con il diniego è piovuta come una doccia fredda sugli ‘Amici della pista ciclabile’, il gruppo di cui faceva pare Leo e che gli è rimasto accanto anche nei lunghi mesi della malattia.

Loro continueranno a serbare il suo ricordo nel cuore e la moglie di Leo, la signora Paola durante la cerimonia delle civiche benemerenze 2016 ha ricevuto dalle mani del sindaco un riconoscimento alla memoria. “Purtroppo la targa intitolata a Leonardo Angeloni non potrà essere posizionata nel luogo prescelto perchè la Prefettura ha respinto la richiesta con la motivazione che devono trascorrere almeno 10 anni dalla morte– scrive su Fb Marco Mignanelli, un ‘Amico della pista cicilabile- Si terrà comunque una cerimonia in ricordo nell’anniversario della scomparsa”. L’appuntamento è per il prossimo 22 giugno.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X