facebook rss

Fiera di San Ciriaco:
niente giostre e meno bancarelle
Tombola in piazza Cavour

ANCONA - La festa del patrono perde trenta banchi. Inutilizzabile piazza IV novembre e la pineta del Passetto. Off limits ai banchi anche la piazza principale della città, scelta come location per la consegna dei Ciriachini
venerdì 21 Aprile 2017 - Ore 14:50
Print Friendly, PDF & Email

La Fiera di San Ciriaco al viale lo scorso anno (foto d’archivio)

La conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2017 della Fiera di San Ciriaco

 

di Agnese Carnevali

(foto d’archivio di Giusy Marinelli)

Meno bancarelle, ma più selezionate, piazza IV novembre off limits e niente giostre. È l’edizione 2017 della Fiera di San Ciriaco, dal 1 al 4 maggio ad Ancona, che tra le novità vede anche la consegna dei consueti Ciriachini, d’argento e d’oro, in piazza Cavour (invece che a Palazzo degli Anziani), che sarà location anche di una serie di eventi per la giornata del 4 maggio, tra cui la tradizionale Tombola.

 

LA LOCATION E LA RIDUZIONE DEI BANCHI

Sarà l’ultimo anno targato Blu Nautilus, che di edizioni ne ha firmate 18, prima del nuovo bando del Comune per l’assegnazione dell’organizzazione dei grandi eventi. L’undicesima che la società di eventi organizza al viale della Vittoria, percorso espositivo confermato anche quest’anno, non senza problemi, come sottolineato anche dal vicesindaco ed assessore al Commercio, Pierpaolo Sediari. Il cantiere per i lavori all’ascensore del Passetto hanno infatti reso inutilizzabile per la disposizione dei banchi piazza IV novembre e la pineta, che non saranno toccate dalla Fiera. Come anche piazza Cavour, destinata solo ad eventi particolari, come quelli per la festa del patrono della città. Questo, principalmente, il motivo della riduzione delle bancarelle. Trenta in meno rispetto al 2016. Saranno 460, per un totale di 343 ambulanti contro i 352 del 2016, disposti tra il viale, largo XXIV maggio (lato corso Garibaldi) e piazza Pertini destinata esclusivamente al food. «Una decisione che i bancarellari hanno capito – sottolinea Remo Vigorelli, direttore di Blu Nautilus -, del resto noi non siamo sindacalisti, ma lasciare a casa trenta persone è un dispiacere perché tutti hanno bisogno di lavorare». Ridotte nel numero, ma più selezionate. «Abbiamo preferito rinunciare ai banchi generici per dare più spazio alle tipologie merceologiche più particolari e soprattutto alle tipicità enograstronimiche» sottolinea Vigorelli.

Un’immadine dell’edizione 2016 della Fiera di San Ciriaco (foto d’archivio)

NO AL LUNA PARK

Sarà una Fiera senza giostre. Nessuna deroga alla delibera comunale che indica quali spazi da adibire a luna park solo piazza D’Armi ed il parcheggio dello stadio Del Conero. Due alternative sulle quali i giostrai non si sono ancora espressi. Quindi, almeno per il momento, in città niente autoscontro, tagadà e simili dal 1 al 4 maggio. «Trovare spazi adeguati in centro per queste attività è diventato ormai impossibile, anche per l’azione di riqualificazione urbana in progress – spiega Sediari -. Negli anni abbiamo trovato delle soluzioni, sempre contestate e contrastate fra l’altro, e comunque non reiterabili nel tempo, come ad esempio al Passetto o lo scorso anno al Mandracchio, quest’anno occupato dai tir. Le uniche zone disponibili, e lo dico con rammarico, sono piazza D’Armi e Del Conero, certo distanti dalla fiera, ma spero che prevarrà il buon senso».

GLI EVENTI A PIAZZA CAVOUR

Piazza Cavour off limits per le bancarelle, ma diventa location privilegiata per gli eventi legati alla fiera. «Con la volontà di affondare sempre più le radici in questa nostra città e recuperare il senso di appartenenza ad Ancona e la sua identità», le parole del capo di Gabinetto, Roberta Alessandrini.

A partire dalla consegna delle consuete benemerenze civiche, i ciriachi d’argento ed il ciriachino d’oro, che per la prima volta verranno consegnate en plen air il 4 maggio alle 12.

Alle 18, l’ouverture al tradizione appuntamento con la Tombola di San Ciriaco della Croce Gialla (alle 19), con lo spettacolo “Quanto sei bela Ancona”, ideato da Filodiffusione e condotto da Maurizio Socci, con l’esibizione dei “tre tenori” del vernacolo anconetano, Orietta De Grandis, Alfredo B. Cartocci e Peppe Bartolucci.

Piazza Cavour sarà anche la passerella per Ancona Fashion 2017, la spettacolo di moda, musica e cabaret giunto alla 12esima edizione, per la direzione artistica di Monica Picciafuoco di Fata Eventi e presidente dell’associazione Essere Felici. Lunedì 1° aaggio alle ore 21.

PIAZZA PERTINI

Il regno del food sarà piazza Pertini, dove come negli ultimi anni saranno concentrati i punti di ristoro e le specialità enogastronimiche. La piazza anticipa l’inaugurazione della Fiera, il 30 aprile  con lo spettacolo dei The Silver Combo Trio. Musica e spettacoli a terra, senza palco, per creare maggior coinvolgimento, saranno il leit motiv della piazza fino al 4 maggio.

MOSTRE E EVENTI ALLA MOLE

Sempre aperte le mostre alla Mole, con l’ultima settimana di Ecce Homo, che non sarà poi visibile in nessun altro luogo, e con Steve McCurry Icons. «Alla Mole durante i giorni della Fiera ci sarà un nuovo Festival tra arte ed impresa, con una serie di eventi e laboratori che presenteremo a breve» afferma l’assessore alla Cultura, Paolo Marasca.

MODIFICHE ALLA VIABILITÀ, NAVETTE E PARCHEGGI APERTI

Per tutto il periodo della Fiera sarà modificata la viabilità, con la chiusura al traffico del viale ed il doppio senso in via Toti per consentire l’accesso all’ospedale Salesi, illustra l’assessore alla Mobilità Stefano Foresi. Parcheggi comunali (Archi, via Orsi, Cialdini e Traiano) sempre aperti fino alle 22 anche nei festivi. E servizio di bus navetta davanti al parcheggio degli Archi e al parcheggio scambiatore dello stadio Del Conero.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X