facebook rss

Il cuoco di Amatrice
riparte da Senigallia
con un food truck

FOOD - Il ristoratore Daniele Bonanni nel terremoto ha perso attività e familiari, riparte con una cucina su ruote che proporrà il piatto della tradizione, utilizzando solo prodotti delle aziende di amatrice rimaste in attività
venerdì 28 Aprile 2017 - Ore 18:38
Print Friendly, PDF & Email

Daniele Bonanni

 

 

Era il titolare di una delle storiche trattorie di Amatrice, il Ma-Tru. Oggi di quel ristorante non resta che un cumulo di macerie, come, del resto, non rimane altro di tutto il paese di Amatrice. Ma Daniele Bonanni non si è dato per vinto. E riparte dal Finger Food Festival di Senigallia, proponendo, chiaramente, il piatto tipico della sua terra. L’amatriciana vera, quella con il guanciale e il pecorino, arriverà alla kermesse gastronomica grazie a questo celebre ristoratore che ha voglia di tornare a sognare. “Nella tragedia del terremoto ho perso mia sorella, mia mamma e mia zia – racconta Daniele – oltre che alcuni dei miei più cari amici e molti compaesani. Il mio ristorante, creato da mio padre tantissimi anni fa, è stato raso al suolo. Non avevo più nulla. A quel punto mi sono detto che non mi sarebbe rimasto altro che piangere in roulotte, o rimboccarmi nuovamente le maniche e tornare a fare ciò che amo: cucinare i piatti della mia tradizione. Ringrazio Senigallia e l’organizzazione del Finger Food Festival per avermi dato questa possibilità. Vi farò mangiare l’amatriciana come non l’avete mai assaggiata. A meno che non siate stati già ospiti del mio ristorante”. Daniele ha messo mano ai suoi ultimi risparmi ed ha acquistato e allestito un furgone a food truck dove poter cucinare il piatto che l’ha reso famoso in tutta Italia. “E uso solo prodotti amatriciani – ha aggiunto Daniele – di quelle aziende che, nonostante il sisma, riescono ancora a produrre qualcosa. Noi amatriciani vogliamo ricominciare da quella notte, quando tutto si è fermato. Il mio sogno? Riaprire il Ma-Tru nella zona food che dovrà ripartire ad Amatrice”. Intanto la manifestazione è pronta ad aprire i battenti. Sabato 29 aprile alle 12 l’apertura ufficiale degli stands gastronomici, e alle 18 il taglio del nastro in presenza del sindaco Maurizio Mangialardi e dell’assessore Gennaro Campanile. Da sabato a lunedì i Giardini della Rocca Roveresca verranno invasi dai più originali e bizzarri food truck provenienti da ogni regione d’Italia. (leggi il programma completo di concerti e stand).

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X