facebook rss

Acquista on line una playstation
per il compleanno del figlio
ma era una truffa: due denunce

OSIMO - I poliziotti del Commissariato attraverso indagini tecniche hanno inseguito le tracce lasciate sul web da un 47enne della Provincia di Isernia che ha incassato il denaro per la vendita della consolle e da un 39enne del Trevigiano che non aveva mai spedito a un'univeristaria osimana una Iphone 6, regolarmente pagato
mercoledì 3 Maggio 2017 - Ore 14:41
Print Friendly, PDF & Email

I cyber-agenti del Commissariato di Ps di Osimo

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Osimo hanno denunciato due persone residenti nelle province di Isernia e Treviso, perché ritenuti responsabili di frode informatica. Da indagini esperite dopo la denuncia presentata da un osimano che lamentava di aver pagato 300 euro una console della playstation di ultima generazione individuata in un noto sito web di compravendite che avrebbe regalato per il compleanno del figlio senza però riceverla, gli agenti dell’ufficio anticrimine hanno scoperto l’autore della truffa.

A.G., 47 anni, disoccupato della Provincia di Isernia, già noto alle forze dell’ordine per aver perpetrato anche analoghe truffe in varie province italiane, è stato identificato dagli investigatori che seguendo il tracciamento dei contatti web sono riusciti ad identificare il suo pc portatile utilizzato per delinquere.

Seguendo invece la traccia del danaro terminato su conti on line con passaggi in varie carte prepagate, gli agenti del Commissariato di Osimo sono riusciti ad individuare anche un secondo truffatore M.S. di 39 anni, che dalla provincia di Treviso, ha ricevuto 350 euro inviati da una studentessa universitaria osimana per l’acquisto di un telefono cellulare Iphone 6 che aveva scelto su un altro sito web di vendite mai inviato. Sono in corso ulteriori indagini per individuare gli autori di numerose frodi informatiche, cresciute negli ultimi tempi, le cui denunce sono state presentate presso il Commissariato di Osimo

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X