facebook rss

Come ridurre il peso della Tari:
ecco la ricetta
del Comitato di Aiuto Osimo

BOLLETTE RIFIUTI - Ieri sera l'incontro nella sala convegni dell'Hotel La Fonte. Tra le proposte anche l'ipotesi di frazionamento, anche mensile dei pagamento tramite F24, per famiglie e imprese in difficoltà economiche
mercoledì 17 Maggio 2017 - Ore 15:50
Print Friendly, PDF & Email

L’incontro all’Hotel La Fonte del Comitato d’aiuto Osimo

Tanta la partecipazione ieri sera all’ incontro organizzato dal Comitato di Aiuto #Osimo, in collaborazione con il Circolo Culturale +76 nella sala riunioni dell’ Hotel la Fonte di Osimo. “Un incontro molto partecipato – si legge in una nota del comitato – che ha rappresentato l’animo perplesso e sfiduciato, dei cittadini osimani, che ancora una volta si trovano a subire rincari pur nella diligenza che li ha caratterizzati, della attenta raccolta differenziata e di tasca propria pagare le inefficienze del sistema. Preciso e puntuale l’intervento del consigliere comunale Dino Latini, che ha aperto i lavori, con una ampia introduzione della gestione dei rifiuti, della sua complessità spiegando perchè questa è una tassa iniqua e la necessità di lavorare e procedere per una riorganizzazione del servizio prestato affinchè si diminuiscano i costi e si arrivi a dare una risposta in termini economici ai cittadini”.

Secondo il comitato, importante sarebbe anche arrivare ad un frazionamento, anche mensile di pagamento tramite F24, che permetta una dilazione necessaria a quelle famiglie e imprese che si trovano in difficoltà economiche, e un attento controllo ai costi di gestione “che ad oggi stanno abbattendo tutti i benefici della differenziata, determinando un aumeno della tariffa , per questo noi abbiamo già affidato ad esperti uno studio della tariffa che possa portare da subito benefici in termini economici e di ambiente”. Nel dibattito ha portato il suo contributo anche la Confartigianato nella persona del presidente Graziano Sabbatini “che conferma le difficoltà delle imprese a pagare la tariffa ogni anno sempre più incisiva sui bilanci e calcolata in maniera iniqua, e propone un tavolo di lavoro, aperto a tutti gli Enti competenti per poter addivenire ad una strategia condivisa anche con altri Comuni”.

Il consigliere comunale delle Liste civiche, Dino Latini

Oggi ognuno di essi ha in suo regolamento, sarebbe utile crearne uno omogeneo, concertato, che rispecchi gli interessi di tutti, ha sostenuto durante l’incontro anche Marco Pierpaoli, segretario comunale della Confartiginato, per avere una strategia condivisa. Gli interventi dal pubblico si sono incentrati su vari problemi cittadini, “da chi lamenta la sporcizia in città, a quello che paga la Tari troppo alta in rapporto alla metratura della casa, (in effetti le abitazioni di piccole metrature sono molto più penalizzate di chi ha oltre i 100mq) – prosegue la nota del comitato – Non è mancata la protesta degli agriturismi, a rappresentarli la presidente dell’associazione Abc turismo, che da quest’anno il Comune ha deciso di tassarli adottando il criterio un criterio medio tra la tariffa domestica e quella per le utenze non domestiche con categorie ‘08 alberghi senza ristorante’, chiedendo l’annullamento di essa ed il ripristino ai precedenti anni”. All’incontro di ieri sera hanno partecipato, seduti tra il pubblico, anche il sindaco Simone Pugnaloni, la sua giunta al completo e molti consiglieri di maggioranza. Il prossimo appuntamento sarà in autunno, ha anticipato il consigliere Latini. “Presenteremo – chiude il comunicato stampa del comitato di aiuto#osimo- l’esito dello studio già avviato che miri ad una attenta gestione dei costi, quindi meno spesa e una programmazione di riduzione della tassa”.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X