facebook rss

Osimo, ispezione del Nas
al Centro Caritas di San Marco

CONTROLLI - La visita sollecitata da un esposto presentato dalla capogruppo del Gruppo Misto, Maria Grazia Mariani per far luce sulla correttezza della distribuzione di pane e brioches. "Non sono contraria all'attività dal centro ma la consegna degli alimenti va fatta a regola di legge a tutela di chi li mangerà" chiarisce la consigliera. Il parroco: "Abbiamo sospeso il servizio ma ci metteremo in regola"
domenica 4 giugno 2017 - Ore 18:14
Print Friendly, PDF & Email

Il centro d’ascolto Caritas di via Matteotti

Osimo, la sede Caritas vicino alla chiesa di San Marco Evangelista

Visita dei Nas al centro Caritas del quartiere di San Marco, a Osimo. I controlli dei carabinieri del Nucleo antisofisticazione sono stati svolti nei giorni scorsi nel locale che durante la settimana distribuisce a chi vive nel disagio economico anche alimenti come pane, brioches e pizza. Li ha attivati un esposto firmato dalla capogruppo del Gruppo Misto, Maria Grazia Mariani, Dal sopralluogo non sarebbero emerse gravi irregolarità ne’ problemi igienico-sanitari ma i militari hanno ricordato ai volontari che le leggi europee ed italiane, prevedono l’applicazione di un preciso protocollo anche per la distribuzione senza scopo di lucro di alimenti  perché la filiera di produzione e gli ingredienti siano sempre tracciabili. “Per il momento il centro ha sospeso la distribuzione del pane e delle brioches, ma ci metteremo in regola” assicura il parroco.

La Caritas diocesana di via Matteotti è stata regolarmente istituita da una onlus per volontà del sacerdote, missionario dell’ordine dei Caracciolini, e dei parrocchiani della chiesa di San Marco Evangelista. Dal 2014 svolge un servizio meritorio a sostegno delle fasce più deboli della popolazione e contro gli sprechi alimentari. Di questo è consapevole per prima la consigliera Mariani che chiarisce di non aver sollecitato il controllo dei Nas perchè contraria all’attività del centro parrocchiale. “E’ un servizio caritatevole che fa onore a chi lo svolge – puntualizza- Il fatto che pane e pizza vengano regalati però non cambia la legge, perché anche il cibo donato deve sottostare alle stesse regole di igiene e sanità pubblica imposte dalle norme a negozi, supermercati e mense. E questo a tutela della salute dei consumatori. Il pane e le brioches vanno almeno imbustati ed etichettati con la data di scadenza perché con trasparenza chi li mangia sappia che non sono cibi scaduti. Lo stesso Comune di Osimo ha deciso di adeguarsi alla legge imponendo anche alle sagre estive, attraverso la commissione di pubblico spettacolo, controlli rigorosi proprio a salvaguardia di quei visitatori che si siederanno a tavola per mangiare le specialità gastronomiche (leggi l’articolo)”.

La distribuzione gratuita, al tempo di verdura e pane, nel quartiere del cento storico a maggiore vocazione di accoglienza verso gli stranieri, già nel 2015 aveva fatto sollevare dubbi al club Fi Osimo. Gli azzurri si erano domandanti se lo smistamento di cibo fresco e non confezionato al centro Caritas di S.Marco rispecchiava quanto previsto dalla legge e dal regolamento comunale, ipotizzando inoltre che quel servizio no profit contribuiva ad aggiungere caos  viabilità nella piazzetta San Marco e in via Matteotti per la carenza di parcheggi adeguati, oltre a creare un danno economico indiretto alle attività commerciali limitrofe per gli scontrini non battuti.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X