facebook rss

Fabriano, sarà sfida
Balducci-Santarelli al ballottaggio

ELEZIONI - Il M5S guadagna uno storico secondo turno, l'assessore della giunta Sagramola perde il 20% rispetto al sindaco uscente e paga la scissione a sinistra con Fabriano Progressista. Scrutinio bloccato all'alba, si stanno riconteggiando le schede di tre seggi
domenica 11 giugno 2017 - Ore 23:38
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra in alto: Arteconi, Balducci, D’Innocenzo, Papale, Santarelli e Scattolini

 

Aggiornamento delle 14: Lo scrutino è bloccato ormai da ore quando mancano ancora i risultati di 3 seggi, i documenti sono stati inviati alla sede dell’ufficio elettorale al Comune di Fabriano, che sta riconteggiando le schede. I verbali non sarebbero stati corrispondenti con i dati dello scrutinio. Manca ancora l’ufficialità dunque, ma le ultime tre sezioni non cambiano il risultato del ballottaggio tra Balducci e Santarelli

***

Ore 8: Prosegue ancora lo spoglio a Fabriano quando sono 36 le sezioni scrutinate su 40. Giovanni Balducci a 4.210 voti con il 34,88%. La sfida al ballottaggio sarà con Gabriele Santarelli del Movimento 5 Stelle 3.590 (29,74%). Vincenzo Scattolini 1.826 (15,71%). Vinicio Artecini 1.871 (15,33%). Silvano D’Innocenzo 380 (3,14%). Crescenzo Papale 141 (1,17),

Ore 4.15: Lo spoglio prosegue a rilento, da poco superata la metà delle sezioni da scrutinare, ma ormai la scelta del sindaco di Fabriano è rinviata al 25 giugno quando sarà ballottaggio. Quando le sezioni scrutinate sono 27 su 40, i candidati che si preparano per il secondo turno sono il candidato sindaco del Pd Giovanni Balducci con 2.894 voti (34,82%) e Gabriele Santarelli del M5S staccato di 400 schede con 2.455 preferenze (29,62%). Seguono, Vincenzo Scattolini con 1.288 voti (15,54%), Vinicio Arteconi con 1.282 voti (15,47%), Silvano D’Innocenzo con 268 voti (3,23%) e Crescenzo Papale con 100 voti (1,20%).

Ore 3.30: Vicini al giro di boa delle 18 sezioni scrutinate sulle 40 totali, Balducci continua a perdere terreno e Santarelli rosicchia consensi. Ormai la sfida del 25 giugno del secondo turno sembra certa. Balducci è avanti con 1.710 voti per il 36,25%, dietro Santarelli con 1.372 schede, pari al 29,08%.

Ore 3.02: Tredici sezioni scrutinate su 40, Balducci vede allontanarsi il 50% necessario per vincere al primo turno, il 30% del M5S può valere il secondo turno per Santarelli. Balducci guida con 1.167 preferenze (40,07%), segue Santarelli con 831 voti (28,53%), quindi Scattolini con 459 voti (15,76%), Arteconi con 340 preferenze (11,6%), D’Innocenzo a 74 (2,54%) e Papale con 41 preferenze (1,4%).

Ore 2.41: Si profila un ballottaggio Pd-M5S quando le sezioni scrutinate sono 9 su 40. Balducci avanti con 813 voti (40,81%), insegue Santarelli con 592 voti (29,71%). Dietro, Scattolini con 304 (15,26%), Arteconi con 204 voti (10,24%), D’Innocenzo a 49 e Papale a 30 voti.

Ore 2.15: Sei sezioni scrutinate su 40, continua la rincorsa del M5S sul Pd. Balducci a quota 538 con il 40,81% delle preferenze, insegue Santarelli a 396 voti pari al 30,04%, poi Scattolini con 212 schede per il 16%, quindi Arteconi a 123 voti per il 9%, D’Innocenzo con 33 voti e il 2,5% e infine Papale con 16 voti (1,21%)

Ore 1.47: Quattro le sezioni scrutinate su 40, Santarelli e Scattolini recuperano terreno su Balducci. Guida sempre il candidato sindaco del Pd con 358 voti (45,37%), seguono Santarelli con 211 preferenze (26,7%), Scattolini con 122 (15,4%), Arteconi a 70 (8,8%), D’Innocenzo a 19 (2,4%) e Papale a 9 (1,1%).

Ore 1.30: Le prime parole di Silvano D’Innocenzo tramite i social per ringraziare gli elettori e i candidati. “Eravamo consapevoli delle nostre difficoltà fin dall’inizio. La lista ha scelto di non avere un simbolo di partito. Siamo partiti da zero, abbiamo messo tanto entusiasmo e sicuramente abbiamo fatto la nostra bella figura in tutti i confronti con gli altri candidati. Purtroppo la gente non ha partecipato attivamente alla campagna elettorale e questo ci ha penalizzato, in quanto abbiamo potuto contare solo sulle forze di ognuno di noi. Ringrazio tutti i ragazzi della lista e tutte le persone che hanno collaborato anche da fuori con noi. Siamo una bella squadra, ma abbiamo perso questa tornata elettorale, ma tranquilli, tra cinque anni ci riproveremo, anche perché abbiamo rappresentato la Fabriano che non si piega” conclude D’Innocenzo della lista Janus.

Ore 00.52: Due le sezioni scrutinate, Balducci in vantaggio con 121 voti (50%), davanti a Santarelli con 64 preferenze (26,5%), seguono Scattolini a 37 (15,3%), Arteconi a 11 (4,5%) D’Innocenzo a 7 (2,9%) e Papale a 1 (0,41%).

Ore 00.45: primo seggio scrutinato su 40 vede il candidato del Pd, Giovanni Balducci in vantaggio con il 33,33%, seguito da Gabriele Santarelli (5 Stelle) al 30,39%, poi Scattolini al 24,5%, Arteconi sopra al 10%, poi Papale al 7,84% e D’Innocenzo al 3,92%.

***

Il primo dato certo alla chiusura dei seggi delle 23 è il crollo dell’affluenza: solo il 57,10% è andato alle urne, contro il 69,76% del 2012. E’ uno dei dati più bassi della Regione e dell’intera tornata elettorale di queste amministrative.

Chiuse le urne a Fabriano, via allo scrutinio. Nel 2012 il sindaco Giancarlo Sagramola per il Pd si era imposto al ballottaggio su Urbano Urbani (Fi) con 6.962 voti (55,08%) contro le 5.678 preferenze dello sfidante del centrodestra (il 44,92%). Sagramola che non corre però per il secondo mandato. I democrat hanno scelto al suo posto l’assessore al turismo Giovanni Balducci. E’ lui il candidato chiamato a dare continuità al governo del Pd a Fabriano. In cinque giocano la carta della novità al governo cittadino. Sono il candidato del M5S Gabriele Santarelli,Vinicio Arteconi con Fabriano Progressista, Silvano D’Innocenzo per la lista civica Janus, Crescenzo Papale per il Partito comunista dei lavoratori e Vincenzo Scattolini per Fratelli d’Italia e Lega Nord. Undici le liste in campo, 232 i candidati che concorrono per uno dei 24 scranni da Consigliere comunale.

 

In sei in corsa per il dopo Sagramola

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X