facebook rss

“Tuo figlio ha avuto un incidente…”:
ma non era vero
Falso avvocato truffa 89enne

JESI - Stamattina l'anziana ha consegnato al complice dell'uomo 280 euro e 2 anelli convinta di pagare le prime spese per assistere il parete coinvolto in un presunto incidente stradale e in stato di fermo in caserma
giovedì 13 Luglio 2017 - Ore 17:06
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

Stamattina ha telefonato a una 89enne di Jesi e si è spacciato per un avvocato chiedendole dei soldi per pagare le prime spese per assistere il figlio della donna. Secondo il racconto del sedicente legale, l’uomo sarebbe rimasto coinvolto in un incidente stradale, fermato dalle forze dell’ordine, trattenuto in una imprecisata caserma e costretto a pagare per comporre la vicenda. Il falso avvocato ha dato appuntamento alla donna avvisandola che sarebbe stata raggiunta a casa da un suo incaricato per ritirare il denaro.

E poco dopo, infatti, il complice ha suonato al campanello della donna che, sull’onda emotiva, gli ha consegnato 280 euro e due anelli. Al rientro a casa del figlio, l’anziana, sconvolta e disorientata, ha preso coscienza di essere rimasta vittima di una truffa. Superando il senso di vergogna, ha denunciato l’episodio ai carabinieri della stazione di Jesi che indagano insieme ai colleghi del Nucleo Operativo. I carabinieri invitano soprattutto gli anziani a diffidare di sconosciuti che chiedono denaro per telefono o presentandosi nell’abitazione di residenza per evitare di essere raggirati. I militari non chiedono mai la consegna di denaro contante o gioielli  in caso di incidenti stradali, contravvenzioni  o multe. La segnalazione di telefonate anomale, come quella che ha ricevuto l’89enne jesina va fatta in tempo reale al 112 per permettere ai militari di agire subito, individuare e bloccare i truffatori.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X