facebook rss

Tragico schianto, l’addio a Raoul:
‘Una ferita difficile da guarire’
Aperta inchiesta per omicidio stradale

CAMERANO - Il funerale di Chiucconi, il 57enne morto in un incidente mentre era in sella alla sua moto, si terrà domani alle 17,30 al cimitero. La 73enne che guidava l'auto contro cui è andato a scontrarsi finirà nel registro degli indagati. Il dolore della figlia: "Grazie di tutto, ti amo"
martedì 1 Agosto 2017 - Ore 17:23
Print Friendly, PDF & Email

Il luogo dell’incidente

 

Raoul Chiucconi

 

di Federica Serfilippi

(foto di Giusy Marinelli)

Si svolgeranno domani i funerali di Raoul Chiucconi, il centauro morto ieri pomeriggio a causa di un tragico schianto avvenuto sulla Cameranense (leggi l’articolo). La cerimonia commemorativa per dare l’ultimo saluto al 57enne dipendente della Multiservizi si terrà alle 17.30 al cimitero di Camerano. Dopo l’incidente, la salma è stata subito restituita ai familiari. La camera ardente è stata aperta questo pomeriggio all’obitorio dell’ospedale di Torrette. Niente accertamenti autoptici, quindi, sul corpo dell’ex bodybuider, sposato e padre di due figli. Per la procura, infatti, la dinamica del sinistro sarebbe già chiara. Sul tavolo del sostituto procuratore devono ancora arrivare i primi atti di indagine rappresentati dai rilievi effettuati dalla Polstrada di Senigallia che andranno a riempire il fascicolo aperto per omicidio stradale. Nel registro degli indagati finirà la 73enne, psicologa originaria di Macerata ma residente a Camerano, che ieri era alla guida della Mercedes con cui ha impattato la Honda Transalp guidata da Chiucconi. L’auto, nel tentativo di invertire il senso di marcia, avrebbe tagliato la strada al centauro, sbarrandogli la corsa. Il 57enne avrebbe tentato di frenare, ma senza successo. «Non l’ho proprio visto arrivare. Ho solo sentito un botto» avrebbe detto la donna agli agenti. Lo schianto è stato così tremendo che per Chiucconi sono stati inutili i tentativi dei soccorsi di rianimarlo.

La notizia della sua morte si è subito diffusa in tutta Camerano, dove l’uomo è nato e cresciuto. Da ieri, il suo profilo Facebook si è riempito delle parole d’affetto e compianto lasciate da amici, conoscenti, colleghi di lavoro e dal gruppo con cui amava uscire per le immersioni subacquee nei mari di tutta Italia. In primis quello della figlia: “Una ferita difficile da guarire – ha scritto postando una foto del padre sorridente in acqua – . Ti ricorderò così, mi mancherai tanto. Grazie di tutto, ti amo”.  “E’ stato subito facile entrare in sintonia e in amicizia con te per via – ha aggiunto un altro amico – della tua serenità d’animo per la tua educazione, per la tua intelligenza e per tua sensibilità nel rispettare chi lavora.  Sono onorato di aver conosciuto questa gran bella persona.  Raoul, con i suoi modi sempre carini e gentili, ha lasciato un segno indelebile nella mia mente.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X