facebook rss

Il Settecento di Osimo tra pizzi,
divise e moschettoni (Fotogallery)

OSIMO - Un numeroso pubblico ha assistito allo spettacolare corteo dei figuranti in costume. Ai varchi d'accesso del centro storico camion utilizzati come barriere antiterrorismo
domenica 27 Agosto 2017 - Ore 12:05
Print Friendly, PDF & Email

Il Settecento osimano come non lo conoscevate. Merletti, parrucche, divise e moschettoni, nel corteo in abiti settecenteschi che ieri pomeriggio è sfilato per il cento storico di Osimo a ricordo della consegna, nel 1723, al vescovo di Osimo della bandiera turca. Ha confermato il successo di pubblico la terza edizione della manifestazione storica ideata da Niccolò Durati ed i ragazzi dell’associazione ‘Rivivi ‘700’ (che da il nome alla manifestazione) che ricostruisce fedelmente la consegna dello stendardo strappato ai pirati saraceni dal capitano osimano Francesco Guarneri durante uno scontro navale al largo di Anzio.

Le barriere in via Matteotti per la sicurezza antiterrorismo

Nei panni del cardinale Spada, l’allora vescovo di Osimo, l’attore osimano Marco Frontalini, che ha atteso sul sagrato del Duomo l’arrivo del gonfaloniere (una sorta di primo cittadino ante litteram), impersonato dall’assessore Flavio Cardinali e del nobile Vincenzo Gallo, alias Alessandro Marrocchi, altra voce del teatro osimano. Secondo le cronache del tempo, Gallo fu incaricato di consegnare, brevi manu, il trofeo di guerra dal capitano vittorioso, che non partecipò all’evento perchè trattenuto a Roma. Ma nel corteggio storico spiccavano anche le figure dei familiari del Guarnieri, usciti con damigelle e lacchè al seguito da palazzo Briganti Bellini di via Antica Rocca e impersonati dal sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni e dalla moglie Elena. In alcuni varchi di accesso al centro storico, come in via Matteotti, sono stati posizionate le motrici di Tir come barriere antiterrorismo.

(foto Alessandro Colonnini)

 

Il sindaco Simone Pugnaloni con la moglie Elena (foto Bruno Severini)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X