facebook rss

A Loreto la risonanza d’avanguardia:
basso campo magnetico e aperta
adatta a chi soffre di claustrofobia

SANITÀ - Installata nel reparto di Radiologia dell'ospedale della cittadina è costata 460 mila euro. A regime funzionerà 12 ore al giorno e servirà il bacino sud di Ancona
sabato 23 settembre 2017 - Ore 17:45
Print Friendly, PDF & Email

La nuova risonanza magnetica dell’ospedale di Loreto (foto d’archivio)

 

Inaugurata questa mattina a Loreto la nuova risonanza magnetica del reparto Diagnostica per Immagini di Radiologia della struttura sanitaria diretta da Claudio Piana. Un’apparecchiatura di ultima generazione, a basso campo magnetico e aperta, dunque particolarmente adatta a persone che soffrono di claustrofobia. La strumentazione sarà operativa dai primi di ottobre e, secondo quanto ha assicurato lo stesso direttore, a regime funzionerà almeno 12 ore al giorno per eseguire esami di pertinenza neuroradiologica, vale a dire studi dell’encefalo, del rachide e del midollo ed esami a livello dell’addome inferiore e studi della pelvi.

L’intera attrezzatura ha avuto un costo complessivo di 490 mila euro, di cui 460 mila per la risonanza magnetica e 30 mila euro per l’adeguamento dei locali dove è posizionata.

«È una risposta forte e concreta all’esigenza di salute di un vasto territorio a sud di Ancona – ha affermato l’assessore regionale Moreno Pieroni –. Una dotazione d’avanguardia non solo per Loreto e che consentirà di valorizzare il sistema sanitario in un ampio bacino di utenza, con Osimo e Recanati e con alti livelli di domanda di servizi. Siamo molto soddisfatti di questo obiettivo raggiunto, un percorso virtuoso grazie all’impegno encomiabile che tutti – medici, tecnici, dirigenti, amministratori – hanno profuso senza sosta per oltre un anno per garantire questo servizio qualificato».

Nei due mesi successivi al collaudo, avvenuto a giugno 2017, sono stati eseguiti numerosi esami di prova con pazienti volontari che hanno consentito la messa a punto di tutte le sequenze in maniera ottimale. Questo tipo di apparecchiatura consentirà di rispondere all’elevato numero di richieste, in virtù anche dell’adeguamento del personale dirigente medico e tecnico che l’Area Vasta 2 è riuscita a garantire con 13 turn over e 31 nuove assunzioni.

Pieroni ha concluso il suo intervento lanciando un nuovo obiettivo da raggiungere: la realizzazione degli impianti di climatizzazione nei reparti di livello intermedio di degenza dell’Ospedale di Comunità di Loreto.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X