facebook rss

Misericordia Osimo, il grande cuore
dei volontari: donato lettino
agli scolari diversamente abili

SOLIDARIETA' - La scuola di via Aldo Moro ne era priva. Venuti a conoscenza del problema i militi hanno acquistato l'attrezzatura e sabato mattina l'hanno donata e consegnata alla professoressa Rosanna Catozzo, dirigente scolastica del'Ic 'Fratelli Trillini'
lunedì 2 Ottobre 2017 - Ore 17:28
Print Friendly, PDF & Email

Il buon cuore dei volontari della Misericordia Osimo: donano un lettino medico per le esigenze degli scolari diversamente abili della scuola ‘Marta Russo’ dell’Istituto comprensivo ‘Fr. Trillini’. La scuola primaria di Osimo disponeva di una specie di fasciatoio troppo piccolo e inadeguato per le loro esigenze. Portati a conoscenza del problema i ragazzi della Misericordia di Osimo, coordinati dal governatore Claudio Gioacchini, si sono attivati subito per risolverlo e reperire un’attrezzatura adeguata al caso tra le aziende che operano nel settore medicale. Hanno acquistato l’attrezzatura più idonea  e più facile da gestire per il personale di sostegno. Sabato mattina, 30 settembre 2017, una delegazione di volontari si è recata nel plesso scolastico di via Aldo Moro per consegnare il lettino alla dirigente scolastica Rosanna Catozzo (nella foto). Il volontariato dei militi della Misericordia non è mai un’attività fine a se stessa, ma è un’esperienza di crescita personale e non è la prima volta che la onlus, con sede a Osimo Stazione, mette al primo posto i suoi servizi gratuiti per azioni di solidarietà e utilità rivolte alle fasce più deboli della popolazione. Nel 2016 oltre ad aver prestato servizio sanitario nei luoghi dell’alto Maceratese e dell’Ascolano feriti dal terremoto. L’associazione di assistenza socio-sanitaria, che è integrata alla federazione delle confraternite delle Misericordie di tutta Italia, inoltre, proprio in questi giorni, nel salone parrocchiale di Osimo Stazione ha avviato le lezioni del terzo corso di primo soccorso che formerà nuovi volontari da affiancare agli oltre 100 già inseriti nei turni di servizio, organizzati per i pazienti residenti delle città a sud di Ancona.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X