facebook rss

Ancora ladri a scuola:
sfondata una porta alle ‘Verdi’

LORETO - Nuovo tentativo di furto, stanotte, nel plesso scolastico di via Rampolla, già visitato l'anno scorso. Gli sconosciuti hanno cercato di forzare il distributore del caffè ma sono fuggiti a mani vuote. Episodio segnalato ai carabinieri
martedì 24 Ottobre 2017 - Ore 13:04
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

Tentativo di furto, stanotte, alla scuole Verdi di via Rampolla. Il plesso scolastico di Loreto Stazione accoglie la Primaria ‘Giuseppe Verdi’ e la scuola dell’infanzia ‘Beniamino Gigli’. Gli sconosciuti si sono introdotti nei locali forzando un ingresso secondario sul retro dell’edificio, non visibile dalla strada. Una volta entrati hanno rovistato indisturbati in un’aula alla ricerca di fondi cassa o computer. Poi hanno cercato di forzare il distributore con la macchinetta del caffè sempre alla ricerca di monete, non sapendo che viene utilizzato  da mesi solo con chiavette elettroniche.

Senza sporgere denuncia, stamattina la direzione didattica ha segnalato l’episodio di carabinieri della stazione di Loreto che, poche ore fa, hanno svolto un sopralluogo. Dopo un veloce inventario sembra infatti che non manca niente dalle aule. Si contano soltanto i danni sulle porte con evidenti segni di effrazione (quella esterna e di una classe) e gli effetti del disordine lasciato dai malintenzionati, forse alcuni balordi. Purtroppo l’edificio scolastico è sprovvisto di telecamere.

Non è la prima volta che i ladri visitano le scuole Verdi, ripulite di materiale informatico, computer e pc collegabili alla lavagna multimediale già un anno fa, ad ottobre del 2016. Sei mesi dopo, lo scorso aprile i ladri erano tornati dopo aver forzato la porta del locale mensa riuscendo ad arraffare qualche centinaia di euro tra gli spiccioli del distributore del caffè. A dicembre del 2016 i ladri avevano fatto razzia nelle scuole medie di Loreto, in via Bramante  (leggi l’articolo), nel corso di 2 diversi raid messi a segno in una sola settimana, e avevano scassinato i distributori automatici di merendine e bevande portandosi via le monetine. Dall’aula multimediale erano spariti Ipad e computer per un valore complessivo stimato in 30mila euro. Furti in parte accreditati a una coppia maceratese dopo le indagini del Commissariato di Ps di Osimo (leggi l’articolo).

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X