facebook rss

Al Noir di Jesi le donne entrano gratis,
ma solo con i tacchi
E’ polemica

IL CASO - La decisione presa dal locale è valida solo per alcuni eventi e distingue il pagamento del biglietto d'ingresso in base alle calzature indossate dalle clienti. Sui social fioccano le proteste e le accuse di sessismo. Organizzato anche un contro-evento: "In discoteca coi tacchi, ma in tuta"
venerdì 1 dicembre 2017 - Ore 10:24
Print Friendly, PDF & Email

 

In discoteca le donne entrano gratis. Basta che indossino ai piedi le scarpe col tacco. È la curiosa disposizione introdotta dal Noir Club di Jesi per la serata Super Mash Up-Trap & Trash in programma sabato. Le indicazioni sul dress code e i vari prezzi per accedere al party sono stati postati come di consueto sulla bacheca Facebook dell’evento. Entro le 01 di notte, l’ingresso per le donne è agevolato. Ma chi viene in disco con i tacchi entra gratis, chi invece calza un’altra tipologia di calzature deve necessariamente pagare una consumazione del valore di 7 euro. Una differenziazione che sui social ha fatto storcere il naso a qualche donna, scatenando addirittura la proposta di un contro-party: “tutti al Noir, in tuta ma con i tacchi”. Una provocazione, una sfida giocosa per far riflettere su quello che qualcuno ha già ribattezzato come puro sessismo. Eppure, il Noir è già da tempo che organizza serate estendendo gli ingressi omaggio a chi indossa il tacco. Il motivo? Questione di eleganza, secondo la direzione del locale. Il fatto di far pagare l’entrata a chi porta scarpe basse non è sintomo di scelte sessiste o discriminatorie, solo il voler avvicinare i clienti alla concezione di quel particolare party dove il look è ritenuto essere un criterio di fondamentale importanza.

Le tariffe per il party di sabato al Noir

Il messaggio della discoteca non è passato a tutti e le polemiche si sono scatenate sui social, andando anche ad affrontare l’eterna questione che tocca le differenze di prezzo tra gli uomini, costretti quasi sempre a mettere le mani sul portafoglio, e le donne, agevolate da riduzioni e omaggi. L’evento che sfida scherzosamente il Noir è stato concepito da alcune agguerrite utenti, tra cui una dj anconetana, contrarie al binomio tacco-ingresso gratis. Si legge nella bacheca dell’iniziativa che vuole portare al locale persone con le scarpe alte ma vestite in maniera più che casual: “In difesa dei diritti della donna che non deve essere vista come un oggetto, ma anche in difesa degli uomini, organizziamo questo scherzo al Noir!!! Bene accetti anche gli uomini ma con i tacchi!”. La sfida è lanciata.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X