facebook rss

Malore di fronte alla scuola,
choc per la morte di Francesco Sciarra

TRAGEDIA - Il 39enne maceratese, dipendente dell'Eurocarta, si è sentito male poco dopo le 10 mentre stava facendo delle consegne a Passo del Bidollo di Corridonia. Conosciutissimo per i suoi trascorsi da calciatore anche a Loreto e Castefidardo. Gli ultimi drammatici minuti di Francesco che lascia la fidanzata, la mamma, un fratello e una sorella. «Non era mai stato male, siamo tutti increduli»
Print Friendly, PDF & Email

I soccorsi del 118 dopo il malore

Francesco Sciarra

di Gianluca Ginella

Un sorriso ai colleghi, entrando in azienda alle 8,30, come sempre e poi via con il giro delle consegne. Un lunedì mattina come tanti per Francesco Sciarra, 39 anni, maceratese, un passato da calciatore piuttosto quotato sui campi regionali. Il giovane, dipendente della Eurocarta di Corridonia, intorno alle 10 di questa mattina ha fatto una consegna di alcuni pacchi alla scuola primaria e dell’infanzia di Colbuccaro di Corridonia, quella costruita grazie all’aiuto di Save the children. Francesco ha fatto la sua consegna, poi è tornato verso il furgone dell’azienda. Ed è in questo momento che si è consumato il dramma del 39enne. Lo hanno visto cadere di sasso. Non si è più mosso. Il corpo di Francesco è rimasto riverso a terra sul marciapiede di fronte alla scuola. Immediati i soccorsi del 118. Gli operatori dell’emergenza, giunti sul posto, si sono subito accorti della situazione, gravissima. Per quarantacinque minuti hanno cercato di rianimarlo. Quando sembrava fosse finita il battito cardiaco è ripreso. Il giovane è stato portato in ospedale, ma circa un’ora più tardi si è spento. La notizia di quello che stava accadendo è arrivata come un fulmine alla Eurocarta. All’inizio i colleghi di Sciarra sapevano che aveva avuto un malore ma nulla poteva far loro pensare che la situazione fosse tanto grave. Almeno nei primi momenti perché poi le notizie giunte in azienda si sono fatte via via più terribili. Tra i colleghi che erano al lavoro c’era Marco Antonelli, una amicizia ventennale con Francesco.  Sciarra, originario di Sforzacosta,  negli ultimi anni abitava a Corridonia. Era conosciutissimo in provincia anche per i suoi trascorsi nel mondo del calcio: aveva giocato per tanti anni in Eccellenza con l’Urbisaglia e poi con altre squadre della provincia di Macerata e Ancona (Vis Macerata, Vigor Pollenza, Casette Verdini, Trodica, Loreto e Castelfidardo) fino a due anni fa. 

«Per me era come un fratello. Siamo entrambi di Sforzacosta, conoscevo lui e la sua famiglia – racconta Antonelli –. Ho chiesto ai parenti se per caso fosse stato poco bene nei giorni scorsi, ma non aveva avuto niente. È stata una cosa improvvisa. Sono tutti increduli». Un dramma che è arrivato ora che Francesco aveva trovato una sua stabilità lavorativa e da un paio d’anni conviveva a Corridonia con la compagna, Katia. «A Sforzacosta piange una comunità, perché Francesco lo conoscevano tutti – dice Antonelli –. Era una persona solare. Aveva sempre un sorriso per tutti. Era sempre rispettoso e a disposizione degli altri per aiutarli. È un grosso dispiacere, una grossa perdita».

«Un ragazzo solare, semplice, che quando ti vedeva ti salutava a un chilometro di distanza» lo ricorda il consigliere comunale Marco Menchi. A Sforzacosta la famiglia di Francesco ha la macelleria Sciarra, dove ora lavora la sorella del 39enne, Silvia. Francesco lascia anche la mamma e un fratello maggiore, Luigino. Resta da stabilire il giorno del funerale per consentire gli accertamenti medici che dovrebbero venire effettuati sul corpo del 39enne. Un ragazzo solare, questo ricordano tutti di lui. E un bravo calciatore che sapeva guidare le difese delle squadre in cui ha militato, l’ultima è stata il Casette Verdini. Poi il ritiro un paio di anni fa.

I RICORDI DI CHI HA CONOSCIUTO FRANCESCO (leggi l’articolo)

(foto di Andrea Del Brutto)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X