facebook rss

Alloggi protetti per anziani,
boom di adesioni
al Collegio Pergolesi

JESI - Già tutti occupati i 6 alloggi protetti per anziani nata grazie alla collaborazione tra l’Asp Ambito 9 e la Congregazione dei Fratelli di Nostra Signora della Misericordia, che gestisce la struttura
Print Friendly, PDF & Email

Uno scorcio della città di Jesi (foto d’archivio)

Dopo pochi mesi dall’avvio dell’iniziativa, sono stati tutti occupati i 6 alloggi protetti per anziani nata grazie alla collaborazione tra l’Asp Ambito 9 e la Congregazione dei Fratelli di Nostra Signora della Misericordia, che gestisce il Collegio Pergolesi di Jesi. La comunità alloggio per anziani, denominata Mater Misericordiae, si trova all’interno dell’area di pertinenza del Collegio Pergolesi, in zona San Marco, ed è destinata ad anziani autosufficienti che vogliono mantenere una vita autonoma, ma in un ambiente controllato e protetto.

E’ un nuovo servizio presente a Jesi,- fa sapere una nota stampa della Congregazione dei Fratelli di Nostra Signora della Misericordia – una ulteriore opportunità per gli anziani che ancora conservano un sufficiente grado di autonomia. Gli alloggi sono rappresentati da mini appartamenti arredati, con riscaldamento a pavimento e piano cottura ad induzione, sono stati realizzati per coppie o anziani singoli autosufficienti che, oltre agli spazi comuni, possono usufruire anche dei servizi offerti dalla residenza per anziani del Collegio Pergolesi”.

I mini appartamenti, posizionati su due piani con ascensore, sono di diversa metratura e capienza, 2 o massimo 3 posti letto, non presentano barriere architettoniche e si trovano all’interno di un ampio e curato parco, a ridosso del centro storico. “Le domande di ammissione- chiude la nota stampa – vanno presentate al Collegio Pergolesi e sono valutate da una Commissione interna di gestione. I criteri valutativi sono: la data di presentazione della domanda, la residenza nel Comune di Jesi e in uno dei Comuni dell’Ambito IX, l’eventuale segnalazione da parte dei servizi territoriali, l’età dei richiedenti, il grado di autosufficienza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X