facebook rss

L’Urologia dell’ospedale di Jesi
fa scuola al Cardarelli di Napoli

JESI - L’equipe guidata dal prof. Vincenzo Ferrara è stata ospitata nella struttura campana per effettuare alcuni interventi in laparoscopia. La collaborazione fa parte di un progetto di formazione coordinato proprio dal reparto dell'Urbani
Print Friendly, PDF & Email

Il team di Urologia del Carlo Urbani

 

Urologia del Carlo Urbani ancora protagonista quale punto di riferimento per gli interventi in laparoscopia. L’equipe del prof. Vincenzo Ferrara, infatti, è stata ospitata al Cardarelli di Napoli per effettuare alcuni interventi di questa tecnica di chirurgia mini-invasiva che fa del reparto di Jesi un’eccellenza a livello nazionale.
La trasferta napoletana fa parte di un programma di formazione coordinato proprio dal reparto di Urologia dell’Urbani, rivolto a dieci medici, selezionati in tutta Italia, per favorire il miglior apprendimento della laparoscopia attraverso una metodologia del tutto innovativa. I dieci medici sono stati ospitati in una prima fase a Jesi dove hanno avuto modo di partecipare a lezioni teoriche tenute dai migliori laparoscopisti d’Italia e poi assistere direttamente in sala operatoria agli interventi appena illustrati dai chirurghi.
Il secondo step ha avuto invece come sede il Cardarelli di Napoli dove l’equipe del prof. Ferrara ha coordinato il corso dei dieci medici, con stage teorici e successivamente pratici su pazienti da sottoporre ad interventi chirurgici. I medici discenti si sono poi cimentati ad effettuare i medesimi interventi direttamente su animali, nella fattispecie maiali, avendo il Cardarelli uno stabulario che prevede appunto l’impiego di animali allevati dal Centro di Biotecnologie per l’aggiornamento scientifico.
La terza e ultima fase del corso sarà la disseminazione di quanto appreso dai medici nei reparti di altri ospedali italiani, sempre coordinati dall’Urologia di Jesi, così da favorire una sempre maggiore divulgazione delle conoscenze e delle competenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X