facebook rss

Caso bivacchi, il sindaco:
“Non abbiamo
strutture per i senzatetto”

OSIMO - Dopo la segnalazione, stamattina Simone Pugnaloni ha subito inviato la polizia locale per far sgomberare i clochard da sotto il loggiato di piazza Boccolino. Spiega però di non averli mai visti prima di oggi e garantisce che interesserà i Servizi sociali per aiutarli
domenica 6 maggio 2018 - Ore 14:14
Print Friendly, PDF & Email

I due senzatetto fatti allontanate stamattina dal loggiato comunale di Osimo

Il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni, replica sul ‘caso-bivacchi’ sollevato stamattina dalla Liste civiche. I due senzatetto che si erano sistemati sotto il loggiato comunale di Piazza Boccolino sono stati fatti sgomberare dalla polizia locale. “Ma sono stati visti solo questa mattina ed è stata avvisata subito la Polizia Municipale e la Polizia di Stato. Non è assolutamente vero che da più notti i due soggetti dormivano sotto il loggiato. Ogni mattina alle ore 8.30-9 mi reco in Comune passando proprio dal loggiato, mi fermo a salutare tutti, ma non ho mai visti questi due individui” puntualizza il primo cittadino di Osimo. Simone Pugnaloni spiega inoltre che “non esiste alcuna legge che possa impedire loro di stazionare dove decidano e che sia un luogo pubblico, neanche nel passato ho letto che qualcuno sia intervenuto sulla materia. Il loggiato è sicuramente un luogo centrale e turistico, va salvaguardato. Ad essi infatti la polizia municipale stamattina ha detto subito di alzarsi e di darsi un contegno, poi ha suggerito di rivolgersi a strutture apposite per la loro accoglienza che ad Osimo non ci sono. Questi soggetti non sono residenti di Osimo, ma sono solo di passaggio. La povertà ad Osimo è sostenuta da molteplici interventi adeguatamente conosciuti e pubblicizzati. Se i Servizi sociali nei giorni feriali riusciranno a capire il loro problema si potrà pensare come aiutarli. Per lo stazionamento in città vedremo con le forze dell’ordine come agire”.

Bivacchi di clochard sotto il loggiato comunale, Liste civiche: “Chi li aiuta?”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X