facebook rss

Maxi giro di cocaina: fissata
l’udienza di convalida degli arresti

OSIMO - Il 50enne Claudio Papa e il 38enne Florian Hila compariranno davanti al giudice Antonella Marrone il prossimo lunedì per rispondere in concorso di detenzione ai fini di spaccio. Nell'operazione compiuta dai carabinieri nella notte tra mercoledì e giovedì è finito sotto sequestro un chilo e cento grammi di cocaina purissima
Print Friendly, PDF & Email

La cocaina sequestrata dai carabinieri

 

Si svolgerà lunedì mattina alle 9.30 l’udienza di convalida degli arresti che hanno portato a Montacuto il 50enne Claudio Papa e il 38enne albanese Florian Hila. Per entrambi, finiti in manette nella notte tra mercoledì e giovedì, l’accusa è detenzione e traffico di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Dividono la contestazione formulata dal pm Rosario Lioniello anche se la cocaina sequestrata (un chilo e cento grammi) è stata rinvenuta solamente durante le perquisizioni eseguite nei confronti di Papa, titolare di un supermercato di Passatempo. L’udienza si svolgerà in tribunale e non in carcere. Davanti al gip Antonella Marrone, i due potranno avvalersi della facoltà di non rispondere oppure decidere di improntare una prima difesa. Entrambi sono incensurati e molto conosciuti nell’hinterland osimano. La notizia del blitz dei militari ha spiazzato non solo le rispettive famiglie degli indagati, ma anche conoscenti e amici dei due. Hila ha preso la cittadinanza italiana poco prima del fermo disposto della procura come indiziato di reato. Da anni è stabile a Passatempo assieme a tutta la sua famiglia. Papa, originario del Maceratese, ha sempre lavorato nel campo del commercio alimentare. Da anni gestisce il supermercato diventato un punto di riferimento per la zona osimana. Da qualche tempo, però, con amici e familiari si stava lamentando degli affari poco fruttuosi. Le spese, i ritorni economici non sempre positivi, i ricavi sempre più bassi. Forse, la situazione del negozio potrebbe aver influito in scelte sbagliate che, secondo i sospetti della procura, avrebbero dato seguito a un traffico di cocaina di vaste dimensioni, capace di interessare tre province: quella anconetana, maceratese e pesarese.

Maxi giro di cocaina, il commerciante accusato di un traffico di quattro chili di droga

Un chilo di cocaina in casa: in manette il titolare di un supermarket

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X