facebook rss

Gad Lerner a Castelfidardo
per il indagare il mondo del lavoro

INIZIATIVA – Mercoledì al Monumento delle Marche è atteso il giornalista all'interno di 'Ri-MarginiAmo', la rassegna promossa dall'associazione 'Abitiamo il bene comune'. Tema della serata lavoro e diseguaglianze, con la vicenda di Concetta Candido
Print Friendly, PDF & Email

Gad Lerner

 

Lavoro e disuguaglianze, mercoledì 6 giugno alle 21.15 al Monumento nazionale delle Marche se ne parlerà nell’evento di punta della rassegna “Ri-MarginiAmo” promossa a Castelfidardo dall’associazione culturale “Abitiamo il bene comune”. Ospite della serata sarà Gad Lerner, giornalista che ha lavorato nelle principali testate italiane sia come inviato che con ruoli di direzione (Tg1). Ha tra l’altro ideato e condotto vari programmi d’informazione sulle principali reti televisive nazionali (Rai, La7, Laeffe). Le sue ultime trasmissioni d’inchiesta sono “Operai”, “Ricchi e poveri”,”La difesa della razza”, tutte trasmesse da Rai3. A Castelfidardo, Lerner dialogherà con Moreno Giannattasio sulle tematiche sul lavoro a partire dalla vicenda che lui stesso ha raccontato nel libro Concetta. Una storia operaia, Feltrinelli (2017). Il 27 giugno 2017, nella sede Inps di Torino Nord, una donna si cosparge di alcol e si dà fuoco. È Concetta Candido, fino a qualche mese prima addetta alle pulizie in una birreria di Settimo Torinese, inquadrata in una cooperativa presieduta dagli stessi titolari del locale. Poi il licenziamento. Così, senza lavoro, senza liquidazione e con il sussidio di disoccupazione che per un disguido burocratico non arriva, giunge all’apice della disperazione. Per questo sceglie di darsi fuoco come forma di pubblica protesta. Si procura ustioni di terzo grado sul 27% del corpo e lotta tra la vita e la morte per mesi. Finalmente lo scorso 20 aprile, dopo quasi dieci mesi di cure, viene dimessa dall’ospedale. Una storia, particolarmente drammatica, che sarà un punto di partenza per affrontare la complessa tematica del mondo del lavoro nella società contemporanea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X