facebook rss

Addio a Ermanno Mosca,
suona la banda per l’ultimo saluto

OSIMO - Lo storico negoziante di San Marco se n'è andato all'età di 84 anni. Aveva una grande passione per la musica ed era stato il primo clarinettista del corpo bandistico. Per ringraziarlo, oggi pomeriggio sulla piazzetta della chiesa, all'uscita della bara, i musicisti hanno intonato le marce funebri del maestro Quercetti e di Chopin
Print Friendly, PDF & Email

La banda Città di Osimo

Ermanno Mosca

Una cerimonia funebre toccante, ricca di affetto, con la banda schierata sulla piazzetta della chiesa di San Marco, oggi pomeriggio a Osimo, per tributare l’ultimo saluto a Ermanno Mosca. Lo storico negoziante del centro storico si è spento il 14 luglio scorso all’età di 84 anni. Per ringraziarlo dell’impegno e del contributo personale che come primo clarinetto aveva dedicato alla crescita dell’istituzionale musicale cittadina, al termine della funzione religiosa, verso le 17.30 i componenti della banda ‘ Città di Osimo’ hanno intonato le note della marcia funebre del maestro Domenico Quercetti e di quella di Chopin. Due brani che Ermanno aveva eseguito tante volte accompagnando con il corpo bandistico il cataletto nella processione del Cristo Morto, e che oggi sono risuonati per i vicoli e le strade di San Marco in suo onore. “Oltre ad essere stato una figura conosciuta in città per via del suo negozio in via Matteotti, Ermanno era conosciuto anche per la sua passione per la musica” ricorda la presidente del consiglio comunale, Paola Andreoni che a nome della città ha espresso cordoglio alla moglie del commerciante, Elisabetta, e ai figli Tiziana e Maurizio. “A lungo è stato uno degli orchestrali della nostra banda musicale cittadina. – ha aggiunto la seconda carica istituzionale del Comune – Con gli altri componenti del sodalizio, riusciva a rendere speciale le iniziative sul territorio, sempre nei ranghi con il suo inseparabile clarinetto. E’ stato anche grazie ad Ermanno se oggi Osimo ha una sua banda musicale. Gli dobbiamo gratitudine e riconoscenza”. Dopo le esequie la salma ha proseguito per la cremazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X