facebook rss

Incasso del Naomi gettato in mare,
il tunisino arrestato è stato espulso

MONTEMARCIANO - Il 26enne finito in arresto assieme a un suo complice mercoledì mattina è stato trasferito dopo la direttissima in tribunale al Cie di Bari per il rimpatrio forzato
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale

 

Aveva rubato l’incasso al Naomi e poi buttato i soldi in mare per sfuggire all’arresto: scatta il rimpatrio per il 26enne tunisino arrestato all’alba di mercoledì mattina dai carabinieri della Compagnia di Senigallia. Il nulla osta per l’espulsione è stato decretato ieri dal giudice Alberto Pallucchini nell’ambito della direttissima in tribunale dove il giovane doveva rispondere di furto aggravato. Lo straniero, dopo la notifica del provvedimento di espulsione emesso dal prefetto di Ancona, espletati gli accertamenti supplementari presso l’Ufficio Immigrazione, è stato accompagnato dai carabinieri di Senigallia al Cie (Centro identificazione ed esplulsione) di Bari per il rimpatrio.

Furto in uno chalet, i ladri cercano di farla franca gettando l’incasso in mare: arrestati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X