facebook rss

Hanno gridato “lo giuro”
380 nuovi soldati

ASCOLI - Come di consueto la cerimonia si è svolta nella caserma Clementi, sede del 235° Reggimento Piceno. Il "blocco" intitolato del bersagliere Fedele Caretti caduto nella Prima Guerra. L'intervento del generale Faraglia, i saluti al luogotenente Raffaele D'Acunto
Print Friendly, PDF & Email

Sono stati 380 i soldati del corso di formazione per volontari in ferma prefissata di un anno del 1°Blocco 2018 che oggi hanno prestato giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana nella caserma “Emidio Clementi” sede del 235° Reggimento “Piceno”. Al cospetto della Bandiera di Guerra del Reggimento e alla presenza del generale di brigata Giuseppe Faraglia e delle massime autorità civili e religiose, i volontari hanno gridato “Lo Giuro!” sulle note dell’Inno di Mameli, con l’accompagnamento della Banda del Comando artiglieria controaerei. Il primo blocco 2018 è stato intitolato alla memoria del bersagliere Fedele Caretti, decorato di Medaglia d’Oro al valor militare, deceduto nella Prima Guerra Mondiale il 20 maggio 1918. I volontari, giunti ad Ascoli il 7 giugno, resteranno in città fino al 5 settembre prima di essere assegnati ai reparti e alle unità dell’Esercito su tutto il territorio nazionale. A margine della cerimonia il generale faraglia ha ringraziato il primo luogotenente Raffaele D’Acunto, sottufficiale del 235° Piceno che il 17 agosto, dopo 40 anni, lascerà il servizio attivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X