facebook rss

«Preferisco il carcere a mia moglie»,
51enne evade dai domiciliari
e si fa arrestare

LORETO - L'uomo si era presentato in caserma lo scorso 18 luglio venendo meno alla misura restrittiva dei domiciliari. Il tribunale di sorveglianza lo ha spedito a Montacuto
Print Friendly, PDF & Email

Il carcere dorico di Montacuto

 

“Vi prego, portatemi in carcere, non sopporto più mia moglie”. Davanti ai carabinieri della stazione di Loreto aveva detto queste parole un 51enne marocchino che, in teoria, doveva stare agli arresti domiciliari. L’uomo era evaso il 18 luglio per farsi arrestare e scappare alle angherie della coniuge. Ieri, è stato esaudito il suo desiderio: per lui si sono spalancate le porte del carcere di Montacuto.  L’uomo era stato sottoposto alla detenzione domiciliare per espiare la pena definitiva di 11 mesi di reclusione per il reato di spaccio commesso nella provincia di Perugia nell’anno 2015. Il provvedimento del carcere scaturisce dall’informativa redatta dai carabinieri di Loreto e diretta all’Ufficio di Sorveglianza, a seguito dell’arresto in flagranza di reato dell’uomo per evasione lo scorso 18 luglio. In quella data, il 51enne si era volontariamente presentato alla stazione di Loreto, facendosi arrestare. Il motivo? I rapporti ormai deteriorati con sua moglie, con cui vive separato in casa. Aveva detto che la donna lo perseguitava e aggrediva quotidianamente, tanto da spingerlo ad evadere.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X