facebook rss

Mega rave party,
soccorso un ragazzo

ALMENO MILLE persone si sono trovate per una festa clandestina. Tra queste un giovane che si è tagliato volontariamente un polpaccio con un vetro: pensava di essere inseguito da mostri assassini. Un secondo ragazzo ha compiuto un gesto autolesionistico e dopo essere corso in un bosco è scomparso. E' stato ritrovato dopo che sono scattate le ricerche da parte delle forze dell'ordine
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri a Sefro controllano uno degli accessi verso il rave

 

Rave Party a Fiuminata, almeno mille, 1.500 (ma qualcuno parla di un numero ancora maggiore) sono le persone che hanno raggiunto la zona di Monte Vermenone, ormai da un paio di giorni, per partecipare ad una mega festa clandestina. Oggi un ragazzo è stato soccorso dal 118, dopo che, da quanto emerge a causa dell’assunzione di amfetamine, si è tagliato volontariamente un polpaccio con un vetro. Lo avrebbe fatto in preda ad una psicosi: credeva di essere circondato da mostri che lo volevano uccidere. Il giovane è stato portato in ospedale. Un secondo ragazzo, un inglese, che pure lui ha compiuto un gesto autolesionistico, è corso all’interno di un bosco, scomparendo. Dopo essere stato cercato dal personale del 118, da Soccorso alpino, da carabinieri e vigili del fuoco, il giovane è stato trovato. Ma sui monti di Fiuminata prosegue il rave party con centinaia di giovani arrivati da tutta Italia e dall’Europa. Musica altissima e fiumi di droga: ketamina, ecstasy, amfetamine. Da quanto emerge le persone che stanno partecipando alla festa clandestina avrebbero intenzione di restare ancora per tutta la settimana. Il punto in cui si sta svolgendo il rave party è lo stesso dove si era esibita la cantante Noa per Risorgimarche. La situazione è monitorata da carabinieri e polizia. Secondo le stime della Questura a Monte Vermenone ci sono mille, 1.500 persone.

(Servizio aggiornato alle 18,15) 

I carabinieri al bivio San Cassiano di Fiuminata

In centinaia per il rave party dove c’è stato RisorgiMarche: intervengono i carabinieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X