facebook rss

Baby gang al parco del Vallato,
sassi contro le case,
ferito un uomo

JESI - Ragazzini terribili in azione al parco del Vallato. Lunedì sera hanno lanciato sassi contro alcune abitazioni che si affacciano su via Donatori di Sangue, ferendo un uomo. E' allarme.
Print Friendly, PDF & Email

Via Donatori di Sangue, teatro della sassaiola di lunedì sera.

Ragazzini terribili trasformano il Parco del Vallato, polmone verde appena fuori dalle mura di cinta, in un autentico far west. E non sono solo gli atti vandalici, la sporcizia e gli schiamazzi ad allarmare i residenti, ma addirittura una sassaiola scagliata contro le case. E’ successo lunedì sera verso le 20 e per quello stupido gioco un uomo è rimasto ferito, per fortuna non gravemente. Ma poteva andare peggio.
I ragazzini, un manipolo di adolescenti dai 14 ai 17/18 anni, si era radunato al parco già dal pomeriggio. Verso le 20 hanno iniziato – forse per gioco, per dispetto o che – a lanciare sassi all’indirizzo di un’abitazione in via Donatori di Sangue. Dalle finestre aperte una delle pietre colpisce un uomo che stava guardando la tv. Quello arrabbiato scende in strada urlando contro i ragazzini di smetterla e andarsene, ma la baby gang per tutta risposta si allontana e dall’altra parte della strada continua a lanciare sassi, rischiando stavolta di colpire l’uomo al volto o alla testa. Qualche altro residente chiama il 112 e solo con le sirene dei Carabinieri, avvertite in lontananza, la banda di piccoli teppisti scappa e si dilegua. Esasperazione al parco, dove da mesi i residenti della zona combattono con una crescente inciviltà.

Damiano Paoletti, presidente del Comitato Parco del Vallato.

E’ un episodio davvero inquietante – commenta il presidente del Comitato Parco del Vallato Damiano Paolettialcuni ragazzi, di età compresa presumibilmente tra 14/18 anni, hanno iniziato a lanciare sassi verso le finestre delle case che si affacciano nei pressi del parco. Un uomo che stava guardando la tv è stato colpito per fortuna senza gravi conseguenze. Questa zona sta diventando davvero un far west, in una certa zona del parco avvengono loschi traffici, spesso carabinieri e polizia vi hanno pizzicato spacciatori; in altre zone vandalismo e teppismo la fanno da padrona. Le ragazze che passeggiavano al parco sono state fatte oggetto di molestie verbali e, in almeno un paio di casi, anche tentativi di molestie fisiche. Abbiamo paura, non è più possibile andare a dormire tranquilli, la gente ha paura anche di scendere dal centro utilizzando l’ascensore“. Paoletti, facendosi portavoce delle proteste dei residenti, insiste su un nodo cruciale della questione sicurezza, un nodo però che ad oggi non è stato ancora sciolto: “da tempo sono state richieste telecamere che possano essere da deterrente a simili fatti, ma ancora non si vedono. La popolazione è stanca e non è più disposta a subire simili situazioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X