facebook rss

La città saluta Mariola,
storica ristoratrice jesina

JESI - Si è spenta all'età di 95 anni Assunta Conversazioni, per tutti Marì de Culobello. I funerali si svolgeranno domani in forma civile
Print Friendly, PDF & Email

Assunta Conversazioni in arte Marì de Culobello.

Grande cordoglio in città per la morte di Assunta Conversazioni, meglio conosciuta a Jesi come Mariola, la storica titolare del ristorantino “Da Mariola Vino e Cucina” (ma per tutti “da Marì de Culobello”) un personaggio pittoresco e unico, simbolo di una Jesi che sta scomparendo.
Assunta aveva 95 anni, il suo storico locale, punto di riferimento per tantissime persone anche non jesine, che sorgeva in via San Martino, ha chiuso i battenti nel 2013. Un luogo dove ritrovare i sapori di una volta, con una cucina che non aveva bisogno di menù perché chiunque sedeva al tavolo da Mariola ordinava quello che voleva e lei, infaticabile fino agli ultimi anni di vita, lo preparava con la solita passione e anche con quei modi un po’ bruschi tipici del ristoratore vecchio stampo, quello che “il cliente non ha sempre ragione”. Assunta si è spenta venerdì a Maiolati Spontini. La salma è stata composta alla casa del Commiato di Santarelli a Monsano e i funerali si svolgeranno in forma civile domani, lunedì, alle 9,30 muovendo dalla casa del Commiato fino al cimitero comunale. Lascia i nipoti, i pronipoti e i parenti, ma soprattutto lascia tanti jesini, orfani delle sue mitiche tagliatelle. La saluta con commozione anche il sindaco Massimo Bacci. “Il nome di Assunta Conversazioni credo dica poco ai più – scrive il sindaco – se però la chiamiamo come era conosciuta nella sua caratteristica trattoria, da Mariola, allora un velo di nostalgia scende su tanti jesini. Perché Marì de Culobello ha davvero rappresentato un pezzo di storia della nostra città ed i suoi piatti tipici hanno accompagnato per decenni pranzi, piacevoli chiacchierate tra amici, momenti di serenità, senso di comunità. Ai familiari i sensi di cordoglio di una Jesi che saluta con affetto un personaggio a cui molti si sentivano in qualche modo legati perché testimone degli anni andati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X