facebook rss

Tentano di rubare la fontana
della piazza, due in manette

CASTEL DI LAMA - Il tentato furto è avvenuto in piazza Scirola. I due ladri sono stati trovati in possesso anche di arnesi da scassi e abbigliamento, sottratto pochi minuti prima a San Benedetto dagli spogliatoi di un campo di calcetto ad un ragazzo del posto. Il senegalese è poi evaso dagli arresti domiciliari finendo in carcere a Marino
giovedì 13 Settembre 2018 - Ore 10:29
Print Friendly, PDF & Email

Nemmeno le pesanti fontane in ferro presenti nelle piazze dei paesi possono stare “tranquille” al cospetto dei ladri. A Castel di Lama, infatti, è finita nel mirino dei malviventi quella presente in piazza Scirola. Protagonisti del tentato furto sono stati due stranieri, un senegalese di 43 anni e un moldavo di 30, domiciliati sempre a Castel di Lama e con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio. Gli stranieri sono stati colti sul fatto, all’alba di mercoledì mattina, dai carabinieri di Castel di Lama e Castignano allertati dai residenti della zona. I due, bloccati e perquisiti, sono stati trovati in possesso di arnesi da scassi e abbigliamento, sottratto pochi minuti prima a San Benedetto dagli spogliatoi di un campo di calcetto ad un ragazzo del posto. Sono stati portati in caserma ed identificati per poi essere arrestati per furto aggravato in concorso e posti agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Infine, nel pomeriggio di mercoledì, nell’ambito dei controlli messi in atto dai militari della stazione di Castel di Lama, il senegalese non è stato trovato a casa dove doveva stare in stato di detenzione. Sono così scattate le ricerche che hanno portato i carabinieri a rintracciare l’autore del tentato furto alla fermata dell’autobus con la valigia piena di effetti personali mentre cercava di dileguarsi, allo scopo di sottrarsi al processo che si terrà giovedì mattina in tribunale. Al senegalese, come disposto dal magistrato, si sono spalancate a questo punto le porte del carcere di Marino del Tronto.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X