facebook rss

Coltello alla gola della commessa
e poi fuga con l’incasso del giorno

SAN BENEDETTO - Nel mirino un negozio di telefonia di via Calatafiumi, nel cuore della città, Un giovane ha intimato alla ragazza di aprire la cassa e consegnare il contenuto, poi si è dileguato, Le ricerche di Carabinieri e Polizia. Due giorni prima un altro tentativo (finito male per il malvivente) a Centobuchi
Print Friendly, PDF & Email

Una finta pistola (probabilmente in tasca non aveva nulla, ma la vittima di fronte a lui non poteva saperlo) a Centobuchi, dopo due giorni un coltello (stavolta vero) a San Benedetto. Se nel primo caso si è trattato solo un tentativo di rapina (l’uomo, un maceratese di 50 anni, è stato messo ko dalla titolare della tabaccheria che ha usato lo spray al peperoncino e poi arrestato dai carabinieri di Monteprandone), nel secondo caso la rapina si è consumata nel centro di San Benedetto.

Poco prima della chiusura – un classico – un giovane si è presentato in un negozio di telefonia puntando un coltello alla gola della commessa per farsi consegnare il contenuto della cassa. La ragazza ha obbedito, e ha fatto molto bene, poi ha chiesto aiuto alle forze dell’ordine. Sul posto si sono precipitati carabinieri della Compagnia di San Benedetto e poliziotti del locale Commisariato che si sono messi sulle tracce del rapinatore dopo aver ascoltato il racconto della ragazza. Del malvivente, però, finora non ci sono tracce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X