facebook rss

Global Climate Strike,
l’adesione del sindaco Mangialardi

CLIMA - Il primo cittadino di Senigallia raccoglie l'appello di Greta Thunberg sul drammatico tema dei cambiamenti climatici e sostiene l’appuntamento di domani insieme a istituzioni, associazioni e tantissimi giovani studenti
giovedì 14 Marzo 2019 - Ore 19:42
Print Friendly, PDF & Email

Maurizio Mangialardi

 

Forse il mondo intero, un giorno non troppo lontano, dovrà ringraziare Greta Thunberg, la piccola grande donna che con la sua coraggiosa battaglia sembra aver risvegliato la coscienza civile di milioni di persone in merito al drammatico tema dei cambiamenti climatici che mettono a rischio la sopravvivenza dell’umanità”. Commenta così il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi sul Global Climate Strike in programma domani, venerdì 15 marzo. Il primo cittadino di Senigallia aderisce alla manifestazione. “Certo, è significativo che ci sia voluta una ragazza di sedici anni per dare la scossa e costruire una mobilitazione di portata mondiale. – sottolinea Mangialardi – Purtroppo ciò fa riflettere sulla superficialità e l’irresponsabilità con cui la politica ufficiale e le grandi organizzazioni internazionali hanno affrontato nel corso degli ultimi decenni il progressivo deterioramento dell’ambiente, portandoci a un punto di quasi irreversibilità. È anche per questo motivo che ho deciso di aderire al Global Climate Strike, l’appuntamento di domani che sta raccogliendo il consenso di istituzioni, associazioni, semplici cittadini e, cosa più importante, di tantissimi giovani studenti. Un appuntamento che può rappresentare un momento di svolta nel rilancio delle politiche ambientali su scala mondiale, oggi più che mai necessario, dopo i fallimenti che negli ultimi anni hanno sensibilmente aggravato la salute del pianeta a causa degli impegni disattesi dalle grandi potenze economiche, nonostante la sottoscrizione di accordi internazionali. Di fronte al drammatico scenario delineato dalla scienza sui rischi che incombono sul nostro futuro, gli Stati hanno l’obbligo di non restare indifferenti”.

L’appello di Greta per invertire da subito l’attuale rotta, secondo il sindaco di Senigallia, chiama in causa in qualche modo “tutti noi e ci invita a riflettere su come contribuire quotidianamente al cambiamento, partendo dagli stili di vita e dalla tipologia dei consumi. Infatti, nonostante oggi esista più consapevolezza sulle buone pratiche che fanno bene all’ambiente, troppo spesso la rassegnazione e l’idea di essere impotenti di fronte a temi che riteniamo più grandi di noi prende il sopravvento, facendoci desistere da azioni utili che invece potrebbero migliorare il mondo intorno a noi. Ecco, credo che la giornata di venerdì possa rappresentare l’occasione per guardare negli occhi quei giovani che con tenacia, determinazione e forza di volontà ci chiedono di rimettere in discussione quelle consuetudini e quei modelli comportamentali che hanno contribuito a portarci verso il punto di non ritorno. Magari ne potrà scaturire l’opportunità di iniziare a ripensare insieme il domani di noi tutti”.

Global strike for climate, corteo anche ad Ancona

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X