facebook rss

Colpo al ‘Tigre Amico’,
scarcerato uno dei banditi:
«Avevo bisogno di soldi»

MONTEMARCIANO - Così il 34enne catanese al giudice durante l'interrogatorio di garanzia in carcere in cui ha ammesso di essere stato l'autore materiale della rapina avvenuta il 26 febbraio. Concessi i domiciliari
sabato 16 Marzo 2019 - Ore 18:03
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri davanti al Tigre

 

«Ho problemi economici, è per questo che ho rapinato il supermercato». Ha confessato davanti al giudice il 34enne catanese a cui la procura addebita la rapina avvenuta la mattina dello scorso 26 febbraio al ‘Tigre Amico’ di Marina. L’uomo, incensurato e operaio di un’azienda di Jesi, ieri mattina è stato ascoltato dal giudice nell’interrogatorio a garanzia dell’arresto avvenuto lunedì dopo la misura cautelare del carcere disposta dal tribunale. Assistito dal legale Rino Bartera, si è assunto le responsabilità del colpo che gli ha consentito di mettere le mani su circa 1.300 euro. Il giudice ha stabilito il regime degli arresti domiciliari. Il catanese, dunque, è uscito da Montacuto. Prima di lui era finito in manette il suo presunto complice, un napoletano di 39 anni che avrebbe fatto da “palo” aspettando il 34enne fuori dal supermercato a bordo di una Hyundai bianca. Il campano era stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Senigallia il giorno dopo la rapina avvenuta in via Grazia Deledda.

Rapina al “Tigre Amico”, catturato anche il secondo bandito

Rapina al “Tigre Amico”, arrestato uno dei due ladri

Coltello alla gola, rapina lampo al supermercato

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X