facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Atti vandalici al parco del Vallato,
il Comitato va a pulire:
«E’ diventato il Bronx»

JESI - Da mesi l'area verde è sotto scacco, nonostante il forte impegno delle forze dell'ordine. Damiano Paoletti: «Ho voluto cancellare i segni della notte brava. Qui accadono di continuo furti, tafferugli, danneggiamenti»
Print Friendly, PDF & Email

Cestini divelti al parco del Vallato

 

di Talita Frezzi

Il degrado regna al parco del Vallato di Jesi. Nonostante i continui controlli, le frequenti operazioni di polizia, la presenza assidua di carabinieri, polizia, polizia locale e Guardia di finanza, c’è chi sporca e danneggia l’area verde. Addirittura c’è chi ha rubato la bici a un bambino di 4 anni, mentre il piccolo l’aveva persa di vista per giocare. Situazioni di cui racconta il presidente del comitato dei residenti del parco del Vallato-via Del Molino, Damiano Paoletti.

Uno degli ultimi episodi (avvenuto il 30 aprile, lo stesso giorno in cui nel parco si erano picchiati 10 ragazzi ed era intervenuta la polizia) è quello di alcuni cestini «che sono stati divelti e poi i rifiuti sparsi lungo i sentieri. Sono stati lanciati bottiglie di vetro e lattine. Gettati lungo un sentiero dove passanto mamme con i passeggini, ma anche persone in sedia a rotelle. Persone che non hanno il coraggio a passare di lì» dice Paoletti.

E lei si occupa con i volontari della pulizia del parco?

«E’ un parco che dovrebbe essere dei cittadini, così la mattina del Primo maggio ho voluto cancellare i segni di quella notte brava e con secchi, scopa, paletta e guanti mi sono armato di buona volontà per ripulire il parco. Non è la prima volta che accade, ma volevo che fosse decoroso per la gente che avrebbe trascorso la giornata di festa nel parco magari con i bambini».

Il presidente del Comitato Parco del Vallato al lavoro per ripulire dai danneggiamenti dei vandali

E’ una storia che si ripete, questa dei danneggiamenti, così come gli episodi di cronaca…

«Purtroppo diciamo sempre le stesse cose, qua accade sempre qualcosa. Tafferugli, furti, minacce, spaccio, ma anche danneggiamenti: cestini dei rifiuti, panchine, giochi per bambini, finché non si affronterà il problema seriamente sarà sempre così».

Si riferisce al Comune?

«All’amministrazione dico solo grazie per aver fatto in modo che questa zona diventasse il Bronx, tante belle intenzioni, tanti buoni propositi, ma nessuna soluzione. Hanno solamente indossato gli abiti della domenica, ma calzano male. Gente che si adopera per cercare di tenere il parco decoroso il più possibile, ma le soluzioni debbono trovarle loro. Quel sentiero deve essere sicuro… quello che è successo il 30 aprile è indecoroso, vergognoso e denota solamente il più cinico menefreghismo. Ci hanno lasciato alla deriva e nessuno si permetta di dire che non è vero. Ormai è chiaro che il Parco del Vallato è diventato la colonia penale di Jesi. Vergogna».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X