facebook rss

Imprese commerciali, bar e ristoranti:
arrivano i contributi a fondo perduto

BANDO REGIONALE - Le domande possono essere inviate fino al 10 giugno, il direttore Confcommercio Marche Massimiliano Polacco: «Ottimo strumento per finanziare gli investimenti»
martedì 7 Maggio 2019 - Ore 17:57
Print Friendly, PDF & Email

 

Il direttore di Confcommercio Imprese per l’Italia Marche, Massimiliano Polacco

 

Saranno elargiti grazie al bando della Regione Marche i contributi a fondo perduto per i progetti per la riqualificazione e valorizzazione delle imprese commerciali e dei pubblici esercizi (bar, ristoranti ecc.). Il bando è già attivo e le domande per richiedere il contributo possono essere inviate entro il 10 giugno 2019. I soggetti beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio in attività e le micro, piccole e medie imprese di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande sempre in attività. Sono ammessi a contributo gli interventi, conformi alla regola del ‘de minimis’, relativi a: ristrutturazione, manutenzione ordinaria e straordinaria, ampliamento dei locali adibiti o da adibire ad attività commerciale, attrezzature fisse e mobili, arredi strettamente inerenti l’attività. Il contributo regionale concesso in conto capitale è pari al 20% della spesa ammissibile che non può essere inferiore a 15mila euro e superiore a 60mila. «Questo bando della Regione Marche – commenta il direttore Confcommercio Marche Massimiliano Polacco – rientra nel pacchetto degli interventi previsti dall’ente per il finanziamento al settore del Commercio. Con questo stanziamento la Regione Marche ha dimostrato di aver compreso l’importanza di sostenere gli investimenti del Terziario che è la spina dorsale dell’economia marchigiana. Rispetto all’anno scorso il finanziamento del pacchetto degli interventi dedicati alle imprese del Terziario è quasi raddoppiato e per le misure previste, a partire dal bando riqualificazione e valorizzazione delle imprese commerciali, sono stati previsti quasi 2 milioni di euro, uno sforzo veramente importante da parte dell’ente. E’ evidente che sono state accolte le nostre richieste per dare sostegno alla filiera del Terziario».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X