facebook rss

Turista rapinato alla stazione di servizio:
trans e protettore condannati

MONTEMARCIANO - Avevano aggredito un 41enne che si era fermato lungo la statale e qui era stato abbordato da una brasiliana. Il rifiuto del potenziale cliente aveva innescato una violenta reazione, fatta di pugni, spinti e del furto della vettura della vittima. Cinque anni per ciascuno degli imputati la pena stabilita dal tribunale
martedì 14 Maggio 2019 - Ore 17:46
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Aggredito alla stazione di servizio, a Marina di Montemarciano: transessuale e protettore condannati a cinque anni di reclusione ciascuno per il reato di rapina in concorso. Il fatto risale alla notte dello scorso 25 agosto, mentre la vittima – un 41enne che vive in Lombardia – stava trascorrendo l’ultimo giorno di vacanza nelle Marche. Si era fermato a un distributore sulla statale mentre stava andando in direzione nord. Come era arrivato con l’auto, una Toyota Yaris, alla stazione di servizio, si era avvicinata una squillo brasiliana di 38 anni. Ha raccontato il 41enne in aula: «Sembrava una donna, è salita in auto senza dirmi niente, dicendomi che le serviva un passaggio. Ho capito poco dopo che era un transessuale e allora le ho detto di scendere subito».

Il punto dove è avvenuta la rapina

Il rifiuto aveva innescato la reazione violenta dell’imputata che, secondo quanto contestato, aveva riempito di pugni il turista. In un secondo momento, sul posto era arrivato anche il presunto protettore della brasiliana, un connazionale di 24 anni. In due avevano picchiato il 41enne, arrivando a sottrargli l’auto e il borsello che c’era all’interno, con dentro documenti della vittima e circa 70 euro. «Appena sono riuscito a fuggire – ha detto la vittima – mi sono buttato sulla statale per chiedere aiuto. Ero sporco di sangue, nessuno mi ha aiuto. Me la sono fatta sotto dalla paura». I carabinieri di Senigallia erano arrivati ad identificare gli aggressori nel giro di un mese. Attualmente, la 38enne, difesa dall’avvocato Francesco Conti, si trova nel carcere di Reggio Emilia. Il protettore, assistito dal legale Nicoletta Pelinga, ai domiciliari, a Falconara.

Aveva rapinato e pestato il cliente che l’aveva rifiutato: trans a processo

Rifiuta il transessuale che aveva abbordato in strada pensando fosse una donna: rapinato e pestato

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X