facebook rss

Precipita dal tetto dell’Ipercoop,
gravissimo un 49enne

SENIGALLIA - Si è trattato di un gesto volontario: l'uomo si è lasciato cadere dal parapetto del centro commerciale. Sconosciute al momento le cause che hanno portato al tentativo di suicidio. E' ricoverato a Torrette
Print Friendly, PDF & Email

Il Maestrale (foto d’archivio)

 

Un altro dramma della disperazione stava per consumarsi stamattina, dopo il suicidio del 44enne di ieri dal viadotto di Arcevia. Stavolta a cercare di farla finita è stato un 49enne della provincia di Pesaro, che adesso versa in gravissime condizioni all’ospedale regionale di Torrette dove è stato trasferito in eliambulanza con un codice rosso di massima gravità.
L’uomo è uscito di casa molto presto al volante della sua utilitaria. Non avrebbe comunicato ai familiari dove era diretto, né tantomeno aveva lanciato segnali di disagio e malessere tali da far ipotizzare un gesto tanto estremo. Si è recato all’Ipercoop Il Maestrale a Cesano di Senigallia, erano quasi le 8. Dopo aver posteggiato l’auto nel parcheggio panoramico del centro commerciale, l’uomo ha lasciato nel cruscotto i documenti e si è lasciato cadere da un parapetto, facendo un volo di oltre 5 metri e precipitando sull’asfalto. Ad accorgersi dell’uomo riverso a terra agonizzante, gravemente ferito, ma ancora vivo sarebbero stati i dipendenti del centro commerciale che hanno lanciato subito l’allarme. Sul posto l’eliambulanza Icaro01 da Torrette e una volante del commissariato di Senigallia. I sanitari dopo averlo stabilizzato sul posto, lo hanno trasferito al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette. E’ vivo, ma nella caduta ha riportato politraumi gravissimi. I medici si sono riservati la prognosi. Gli agenti del Commissariato dopo aver identificato l’uomo ed essere riusciti a rintracciare l’auto con i documenti, hanno contattato i familiari che sono corsi al suo capezzale. Sono ore tremende per loro. Gli agenti con tutta la discrezione e la delicatezza del caso stanno cercando di ricostruire le circostanze e i fatti. L’uomo non avrebbe comunque lasciato messaggi in auto o lettere d’addio.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X