facebook rss

In fin di vita dopo l’incidente,
Mattia Macchia si è svegliato dal coma

MONTEMARCIANO - Le condizioni di Mattia Macchia sembravano disperate dopo lo schianto sull'A14 avvenuto venerdì, invece ieri ha riaperto gli occhi e ha riconosciuto i familiari
mercoledì 19 Giugno 2019 - Ore 13:27
Print Friendly, PDF & Email

 

Mattia Macchia

 

di Talita Frezzi

La squadra del Marina Calcio parla di “sole dopo il baratro” e in effetti è così. Una delle notizie più belle e attese degli ultimi giorni. Mattia Macchia, 27 anni, originario di Chiaravalle ma residente a Marina di Montemarciano si è risvegliato ed è uscito dal coma in cui versava dopo un terribile incidente, venerdì scorso, in autostrada A14 tra Ancona sud e Loreto. Uno scontro terribile in seguito al quale il ragazzo era stato trasferito in condizioni gravissime all’ospedale regionale di Torrette. Era in fin di vita, ma i suoi cari non hanno mai smesso di pregare e di sperare che potesse aprire gli occhi e vincere la sua partita più importante. Ieri, dopo quattro giorni di ansia e paura, finalmente Mattia si è svegliato. A rendere nota la notizia, più importante di qualsiasi campionato vinto, è Aldo Nicolini, ufficio stampa del Marina Calcio squadra dove Mattia ha militato per diversi anni. «Dopo quattro lunghissimi giorni finalmente possiamo liberare quella stretta provocata dalla paura, sapendo che un nostro ex giocatore era in grave difficoltà dopo il pauroso incidente in autostrada – scrive l’ufficio stampa della società sportiva Nicolini – oggi Mattia si è svegliato! E finalmente tiriamo un grosso sospiro di sollievo per questa importante notizia. Tutto il Marina Calcio indistintamente si unisce con un caloroso abbraccio alla famiglia Macchia, formulando a Mattia il più caloroso in bocca al lupo. Forza Mattia ce la farai».

L’incidente sull’A14

Mattia era rimasto coinvolto in un pauroso incidente lungo l’autostrada A14 tra i caselli di Ancona sud e Loreto. Nello scontro frontale tra la Kia condotta da Mattia e una Bmw, il ragazzo aveva riportato una frattura scomposta alla gamba sinistra, un trauma toracico e addominale. Aveva perso conoscenza ed era rimasto incastrato nelle lamiere, l’avevano estratto i vigili del fuoco per affidarlo agli operatori del 118 che l’avevano trasportato in eliambulanza a Torrette con un codice rosso di massima gravità. Grande preoccupazione da parte di familiari, amici ed ex compagni di squadra. Poi martedì i segnali di ripresa, il ragazzo che riapre gli occhi e la speranza che si fa forte. Il peggio è passato.

Scontro frontale tra due auto sull’A14: i conducenti incastrati tra le lamiere in gravi condizioni a Torrette

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X