facebook rss

Castelfidardo, tetti scoperchiati
e alberi sulle strade
Notte di lavoro no stop

MALTEMPO - Il sindaco Roberto Ascani critico sul sistema di coordinamento con gli enti superiori per la gestione dell'emergenza. «Siamo stati costretti a gestire in autonomia tra Polizia locale e Ufficio tecnico visto che per più di 3 ore nessun ufficio regionale o provinciale ha risposto alle nostre segnalazioni. Il sistema è andato completamente in tilt e questo è veramente inaccettabile» racconta
mercoledì 10 Luglio 2019 - Ore 10:48
Print Friendly, PDF & Email

Notte di lavoro no stop per Polizia locale, Protezione civile e Vigili del fuoco a Castelfidardo per tamponare le diverse emergenze

 

Alberi caduti in strada che bloccavano il transito dei mezzi, tetti di case e capannoni industriali scoperchiati per le raffiche di vento, coppi pericolanti per le strade del centro storico, black out elettrico. E squadre di agenti della polizia, locale e volontari della protezione civile che a Castelfidardo hanno lavorato ininterrottamente per tutta la notte. Una no stop per tamponare le emergenze che i cittadini, da ieri pomeriggio alle 18, dopo la tempesta di pioggia e vento hanno continuato a segnalare chiedendo aiuto soprattutto dalle zone di Villa Poticcio, Contrada Vittoria, Crocette e Acquaviva. Soccorsi che in alcune zone, per forza maggiore e l’impossibilità di mettersi in contatto con i centralini delle forze dell’ordine (sempre occupati per la valanga di richieste), sono arrivati solo all’una di stanotte e che hanno sollevato le proteste di chi li attendeva ma in senso lato anche degli soggetti pubblici.

Il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani

«Dopo il nubifragio possiamo dire che é un vero e proprio miracolo il fatto che nessuno si sia fatto male – commenta suo social media il sindaco Roberto Ascani – Decine di alberi letteralmente sradicati dal terreno, coperture volate a terra e cartelli stradali abbattuti. La viabilità è stata ripristinata sulla totalità delle vie principali. Mancano ancora alcune vie secondarie che provvederemo a liberare entro stamattina grazie anche al supporto della Protezione civile. Diversi quartieri senza luce elettrica ieri sera sono lentamente tornati alla normalità».

Lo stesso primo cittadino di Castelfidardo lamenta carenze nel sistema di coordinamento, tra i vari livelli, tra gli organismi preposti ai soccorsi. «Avevamo l’allerta gialla ma un’ora prima del momento critico già si sapeva cosa stava succedendo pochi chilometri più a nord. Come è possibile che nel 2019 non si riesca a comunicare tempestivamente la situazione meteo? – si domanda Ascani – Situazione di emergenza gestita completamente in autonomia tra Polizia locale e Ufficio tecnico visto che per più di 3 ore nessun ufficio regionale o provinciale rispondeva alle nostre segnalazioni. Il sistema è andato completamente in tilt e questo è veramente inaccettabile. In ogni caso voglio ringraziare i vigili del fuoco che, nonostante le emergenze di altre città, proprio ora sono intervenuti al mio appello e hanno liberato via Roma. Chiedo a tutti i cittadini di avere pazienza, nonostante il mio sfogo, perché ci sono tante persone che stanno lavorando senza sosta limitando i disagi di tutti noi».

Anche l’assessora Romina Calvani rassicura tutti e ringrazia tutti gli operatori, anche semplici cittadini che si sono rimboccati le maniche che si sono attivati per arginare i danni e risolvere le criticità.«Dopo il pomeriggio infernale di ieri, si lavora per la ricerca di un veloce ritorno alla normalità. Uomini e mezzi, fin da ieri sera, sono stati tutti operativi: Polizia Locale, Protezione Civile, Vigili del Fuoco e tanti comuni cittadini, tutti a dare una mano per liberare le strade, dare supporto a chi era in difficoltà o solo per dare informazioni. Gente che si è messa al lavoro senza pregiudizi o orari e senza compenso. Sinceramente non si meritano commenti da chi, anziché dare una mano per pulire almeno il proprio metro di marciapiede davanti casa, critica dalla tastiera del computer di casa. Sono fiera della squadra che ogni volta si spella le mani per aiutare. I polpastrelli arrossati li lascio cadere nella rete».

Loreto conta i danni: negozi travolti dal nubifragio, volate via le transenne del cantiere della Basilica

Tormenta di pioggia e vento sulla provincia: black out allagamenti e alberi caduti (Foto)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X