facebook rss

Dipinge la scalinata del centro
con i colori dell’arcobaleno
in memoria della figlia

SORPRESA - L'autore dell'opera è stato rintracciato e convocato al palazzo comunale di Loreto. Non sarà multato
mercoledì 14 Agosto 2019 - Ore 09:34
Print Friendly, PDF & Email

Attraversava un momento di tristezza e ha deciso di dipingere con i colori dell’arcobaleno i gradini della scalinata di via Costa d’Ancona a Loreto per ricordare la figlia scomparsa prematuramente due anni fa.

La scalinata di Loreto dipinta con i colori dell’arcobaleno

Una tavolozza di colori che certo ha rallegrato un angolo del centro storico forse un po’ grigio, ma che ha costretto il sindaco di Loreto, Paolo Niccoletti a richiamare l’autore, quel papà concittadino, al rispetto della legge. Pur condividendo l’idea artistica, il primo cittadino ha ritenuto infatti «discutibile il risultato e sbagliato il metodo». Pertanto ha subito attivato la Polizia municipale per individuare l’autore dell’opera di ‘stair street art’. Dopo essere stato rintracciato e convocato a palazzo comunale per i necessari chiarimenti  l’uomo ha spiegato le sue ragioni, ha compreso quelle del sindaco e non è stato multato, come succede ai writers che imbrattano muri e palazzi urbani.

«Alimentare il ricordo di persone a noi care contribuendo all’abbellimento ed al decoro urbano, diffondendo messaggi di pace ed accoglienza è senz’altro un’iniziativa lodevole, diventa però un arbitrio ed un abuso quando interventi sul patrimonio pubblico vengono però realizzati senza permessi ed autorizzazioni. – ha sottolineato in una nota stampa il sindaco Niccoletti per spiegare l’accaduto – Questa amministrazione comunale si è senza dubbio distinta per le opere di restauro e valorizzazione del patrimonio architettonico intorno al Santuario, tutte le mura attorno alla città sono tornate agli antichi splendori, tutte le fonti e fontane storiche sono state oggetto di interventi di restauro, la scalinata del pozzo e le guglie di piazza dei galli sono di nuovo un orgoglio dei loretani, gli affreschi di porta romana sono tornati alla luce dopo un secolo d’oblio e presto i bastioni Sangallo e di Porta Marina verranno restituiti al godimento della città nonchè elementi qualificanti della nostra offerta turistica».

Il sindaco di Loreto, Paolo Niccoletti

Intervenire, però, senza una progetto ed una visione complessiva «rischia di vanificare gli sforzi finora compiuti nel centro storico, senza dimenticare che le modalità e i necessari veloci tempi di esecuzione non hanno consentito la realizzazione di un’ opera che possa definirsi pregevole ed ecco perché a seguito del colloquio con il sindaco l’autore si è reso disponibile a ripristinare la scalinata di Via Costa d’Ancona». Durante il colloquio Niccoletti ha colto «quanto di buono poteva contenere la provocazione» e si è detto favorevole ad indire un bando d’idee per la valorizzazione della scalinata di via Sangallo, «altra lunga ed importante scalinata ai margini del centro storico mai adeguatamente valorizzata che, tramite idee giovani e nuove, potrebbe rappresentare una riqualificazione urbana importante ed un ulteriore elemento di attrattiva» conferma il primo cittadino di Loreto. Tanti i commenti social tra i lauretani che, apprezzando l’opera, hanno invitato il sindaco a non cancellarla.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X