facebook rss

Dopo l’incidente minaccia
l’altro automobilista
e gli ruba il cellulare: arrestato

ANCONA - Stanotte i carabinieri hanno rintracciato e tratto in arresto con l'accusa di rapina impropria il 45enne che si era poi dato alla fuga. I due veicoli si erano urtati in via Conca
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Prima urta un veicolo  a bordo della sua vettura poi scende e aggredisce l’altro conducente strappandogli il cellulare dalle mani e minacciandolo di non chiamare la polizia a alla fine si da alla fuga. I carabinieri lo arrestato poco dopo con l’accusa di rapina impropria. Tutto è iniziato stanotte, quando i carabinieri di Ancona sono intervenuti in via Conca a seguito di una segnalazione per un sinistro stradale. Un 45enne anconetano aveva urtato con la propria autovettura quella sulla quale viaggiava un 61enne di Agugliano. Quest’ultimo ha notato che il 45enne è sceso dalla macchina e si è diretto verso di lui in preda ad uno stato di forte agitazione pertanto ha deciso di chiudersi nella sua autovettura. La circostanza ha fatto alterare ancora di più l’automobilista indisciplinato che, prima ha infranto con dei pugni il vetro laterale della portiera lato guida dove era seduto il 61 enne, poi lo ha aggredito fisicamente, provocandogli lesioni giudicate guaribili in 5 giorni, infine gli ha strappato il cellulare dalle mani minacciandolo di non avvertire la polizia perché lo aveva riconosciuto e si è dato alla fuga. I militari della Sezione Radiomobile del Norm hanno eseguito i preliminari accertamenti sul luogodel sinistro e pochi minuti dopo hanno rintracciato l’operaio 45enne di Ancona presso la sua abitazione. La successiva perquisizione consentiva di rinvenire il telefono cellulare precedentemente asportato alla vittima che veniva sottoposto a sequestro penale. Per questo motivo l’uomo è stato tratto in arresto ed espletate le formalità di rito, in linea con le disposizioni impartite della Procura della Repubblica di Ancona, è stato tradotto – in regime di arresti domiciliari – presso il proprio domicilio in attesa del giudizio con rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X