facebook rss

Da in escandescenza,
fugge dall’ospedale
poi ruba un transpallet

JESI - Il 35enne si è agitato lungo corso Matteotti e in seguito ha dato di nuovo spettacolo in via Gramsci. Sul posto 118, carabinieri e polizia
Print Friendly, PDF & Email

Il transpallet con cui il giovane jesino scendeva in via Gramsci

 

E’ stata una giornata movimentata quella di oggi per un ragazzo jesino di 35 anni con problemi di tossicodipendenza. Il giovane verso le 11 ha iniziato a dare in escandescenze in centro, lungo corso Matteotti. Urlava, si dimenava, sbracciava. Poi quando ha visto che quel suo modo di fare aveva attirato l’attenzione dei presenti, sui volti dei quali si leggeva una certa preoccupazione, ha abbandonato uno zainetto e un cellulare a terra, davanti all’ingresso della filiale di corso Matteotti della Banca nazionale del Lavoro, ed è scappato a gambe levate. Intanto, era scattato l’allarme al 113 e ai sanitari, perché si temeva che potesse esserci qualcosa di pericoloso in quello zaino. I poliziotti lo hanno bloccato poco distante dal centro e lo hanno affidato ai sanitari dell’automedica del 118 e della Croce verde che lo hanno trasportato al pronto soccorso.
Ma la sua permanenza nella struttura ospedaliera è durata poco. Perché il giovane è fuggito, facendo perdere le sue tracce. Lo hanno individuato di nuovo nel tardo pomeriggio, e non è stato difficile capire che si trattasse di lui: forse per gioco, forse perché in quel momento la lucidità lo aveva abbandonato, ma di fatto stava affrontando la discesa di via Gramsci, nei pressi della scuola dell’infanzia Negromanti, su un “transpallet”, un elevatore manuale a forche corte, rubato chissà dove, magari in qualche azienda della zona o addirittura dallo stesso magazzino dell’ospedale.

Carabinieri, Polizia e sanitari della Croce verde in via Gramsci

Numerose le segnalazioni pervenute ai centralini del 112 e del 113. In via Gramsci sono intervenuti i Carabinieri e la Polizia, insieme all’automedica del 118 e ai sanitari della Croce verde. Increduli e anche divertiti, quando alla domanda su cosa stesse facendo con quel transpallet, il 35enne ha risposto candidamente «sto facendo tardi, devo andare in stazione e prendere un treno» lasciando intendere che quello era il suo mezzo di trasporto verso viale Trieste. Nonostante la bizzarra scena e le difficoltà di staccare il giovane dal suo improvvisato mezzo di trasporto, alla fine i sanitari sono riusciti a riportarlo in ospedale per le cure del caso. Certamente non basterà somministrargli un calmante. Il transpallet è stato preso in consegna dalla Polizia, in attesa di rintracciare il proprietario.
Talita Frezzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X