facebook rss

A Senigallia il riconoscimento
di Città amica dei bambini

LA CERIMONIA ha visto la partecipazione dell’assessore alla Pubblica istruzione Simonetta Bucari e dei rappresentanti del Consiglio Municipale dei Ragazzi
Print Friendly, PDF & Email

I bambini in consiglio regionale

 

In occasione della Giornata internazionale per i Diritti dell’Infanzia, il Comune di Senigallia ha ricevuto l’attestato di Città sostenibile amica dei bambini e degli adolescenti. La cerimonia, svoltasi lo scorso 20 novembre nell’aula dell’Assemblea regionale delle Marche, ha visto la partecipazione dell’assessore alla Pubblica istruzione Simonetta Bucari e dei rappresentanti del Consiglio Municipale dei Ragazzi. «È un riconoscimento – afferma l’assessore Bucari – che premia il lavoro svolto in questi anni dall’Amministrazione comunale per costruire una cultura attenta ai diritti dei bambini e degli adolescenti fondata sui quattro principi fondamentali della Convenzione adottata nel 1989 dall’Assemblea generale delle Nazioni unite: la garanzia dei diritti senza alcun tipo di discriminazione, la tutela del superiore interesse del bambino in ogni iniziativa pubblica o privata, il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo, il diritto a essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano e il corrispondente dovere per gli adulti di tenere le loro opinioni in adeguata considerazione. È un impegno in cui abbiamo creduto e continueremo a credere poiché riteniamo sia fondamentale per la costruzione di una società equa, solidale e libera da pregiudizi». La giornata del 20 ha concluso una lunga serie di iniziative che il Comune di Senigallia aveva organizzato nel fine settimana precedente, in collaborazione con l’associazione “Un tetto”, nell’ambito dell’iniziativa “Un mare di diritti”. In tale occasione sono stati tantissimi i bambini che con le loro famiglie hanno preso parte ai giochi e ai laboratori creativi organizzati nei locali della alla Biblioteca Antonelliana. In particolare, grande successo è stato riscosso dal concorso grafico “L’albero dell’accoglienza”, che ha visto la partecipazione di ben 39 classi di ogni ordine di scuola, con gli studenti chiamati a interpretare l’articolo 20 della Convenzione Onu, il quale sancisce il diritto all’accoglienza e alla protezione.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X